Ciclismo: il catanese Anzà in azzurro ai Mondiali

18 ottobre 2001
Il Commissario Tecnico Antonio Fusi ha annunciato i cinque ciclisti che parteciperanno ai Mondiali: si tratta di Anzà, Bennati, Bernucci, Quadranti e Solari, ai quali si è aggiunto, di diritto, il campione d'Europa Giampaolo Caruso.

Una squadra fortissima, nella quale spicca il catanese Santo Anzà, che il  prossimo 17 novembre compirà 21 anni, un corridore completo, che, dopo aver vinto a raffica in Sicilia nelle categorie giovanili, si è trasferito al Nord.

Il padre, Filippo Anzà, non aveva più nulla da insegnargli, sicché il ragazzo, già Allievo, venne arruolato nel Velo Club Seano, dove s'impose per le sue qualità fisiche, tecniche e soprattutto morali. Naturalmente finì nel mirino di Antonio Fusi che ne seguì, passo passo, i progressi notevoli e le vittorie ottenute con grande disinvoltura - specie nelle corse più dure - evidenziando doti tattiche innate.

Il successo più bello nel '98 quando conquistò a Ferrentina (Frosinone) la maglia tricolore di campione d'Italia juniores sotto gli occhi di Fusi, compiaciuto per l'affermazione del ragazzo catanese sul quale aveva puntato subito, per intuito.

Così Santo Anzà - che oggi veste la maglia Velotex di Olivano Locatelli - è entrato a far parte in pianta stabile dell'Under 23 azzurra su strada e potrà giocarsi le sue chanches in Portogallo.
E' il primo figlio dell'Etna che partecipa a un mondiale di ciclismo e a lui vanno i voti e l'incitamento non soltanto degli sportivi di Catania e provincia, ma di tutta la Sicilia.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 ottobre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia