Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Giallorossi e Rosanero fra calciomercato e la vicenda della ''bocciatura'' del Messina calcio in serie A

11 luglio 2005

''La nostra posizione è perfettamente regolare. Ne siamo certi e pertanto non abbiamo problemi. Stiamo già predisponendo l'appello contro la decisione della Covisoc (commissione di vigilanza sulle società di calcio)''.
Il presidente del Messina calcio Pietro Franza esprime fiducia sull'esito dell'iscrizione al campionato e non comprende l'accanimento della Covisoc nei confronti della società peloritana.
Da quanto si è potuto apprendere l'organo di controllo della Figc ha dapprima contestato al Messina il debito di 15 milioni di euro con l'erario, debito che ad avviso della Covisoc sarebbe nei confronti dello stato. La società del Messina ha sostenuto che il debito e verso l'agenzia delle entrate della Regione Sicilia.
Superato questo ostacolo, la Covisoc nell'esaminare la transazione tra la società e l'Agenzia delle entrate ha sostenuto che si tratta di un atto generico in quanto non implica le modalità di pagamento. ''La stessa operazione - conclude Franza - è stata fatta dalla Lazio, e pertanto se va bene per il presidente Lotito non vedo perché non debba andare bene per noi''.
In città e tra i tifosi si respira aria di tranquillità e di fiducia per il risultato dell'appello che sarà discusso mercoledì prossimo.

Zamparini non svende Toni
''Corvino fermo sull'offerta di dieci milioni di euro? Benissimo, chiamo subito il mio direttore sportivo e gli dico di non andare nemmeno all'appuntamento, per 10 milioni di euro Toni non parte assolutamente, meglio così, vorrà dire che giocherà ancora nel Palermo''. Lo ha detto a Fiorentina.it il presidente del Palermo Maurizio Zamparini.
''Ero venuto incontro a Della Valle, gli avevo assicurato che per 12 milioni di euro l'operazione l'avremmo conclusa - ha continuato Zamparini -. Poi non sono uno che tratta e che vuol tirare le
cose per le lughe. Ma ripeto, se Corvino non va oltre i 10 milioni, gli conviene andare direttamente a Udine a prendere Iaquinta. Zaccardo è incedibile? Non esistono giocatori incedibili, tutti possono partire se arriva l'offerta giusta''.

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 luglio 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia