Giovedì la B scende in campo

L'accordo: 5 promozioni, 3 retrocessioni e uno spareggio tra la 6a di B e la quart'ultima di A

10 settembre 2003
Nell'aria c'era la sensazione che potesse essere la giornata buona. Nelle parole dei protagonisti l'ottimismo che questa triste telenovela, nata dal sassolino della squalifica di un giocatore (Martinelli del Siena) e divenuta valanga tra ricorsi ai Tar, decreti del Governo e cambi di format, fosse vicina al termine e la serie B potesse finalmente cominciare. E l'annuncio è arrivato a metà pomeriggio. Giovedì sera alle 20.30 la serie B ricomincia da tre. Si parte dalla terza giornata in quanto i presidenti cadetti hanno ottenuto che vengano recuperate le dieci gare del secondo turno non disputate domenica scorsa. Lo stesso giudice sportivo Laudi in precedenza aveva omologato solo i risultati di Catania-Cagliari e Napoli-Como.

I problemi non sono del tutto risolti (sei società non hanno sottoscritto l'intesa, ma giovedì scenderanno in campo anche loro. Si tratta di Piacenza, Vicenza, Verona, Catania, Atalanta e Cagliari), ma l'accordo prevede quattro punti fondamentali: 1) - Sì alle 24 squadre in serie B. Alla fine di questa stagione 6 promozioni e 4 retrocessioni, con la formula 5+1 e 3+1, vale a dire gara di spareggio fra la quartultima della A e la sesta classificata in B. Dalla stagione 2004-2005, tre promozioni in A e tre retrocessioni dalla serie maggiore; 2) - La squadra che perderà lo spareggio avrà un indennizzo di 5 milioni di euro; 3) - Nessuna penalizzazione verrà inflitta alle squadre che non sono scese in campo domenica scorsa; 4) - Vietato adire la magistratura ordinaria. D'ora in poi chi lo farà verrà penalizzato di 6 punti.

Novità importante anche sul fronte dei diritti televisivi.
Antonio Matarrese, vicepresidente della Lega e presidente della nuova piattaforma televisiva Pmt, ha infatti dichiarato: "Sono pronto a lasciare la presidenza di Gioco Calcio ad Enrico Preziosi. All'inizio di questa operazione - ha spiegato Matarrese - Preziosi era tra i più attivi. Poi, purtroppo, tra me e lui si è incrinato qualcosa e i nostri rapporti si sono guastati. Avrei voluto chiarire la situazione, ma non ne ho avuto l'opportunità. Allora sfrutto questa occasione per lanciargli un appello: incontriamoci e parliamo. Sono pronto a lasciargli la presidenza di Gioco Calcio. Preziosi per noi è un elemento troppo... prezioso per non ricomporre la frattura".

Zamparini ritira le dimissioni
Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, è stato uno dei quattro presidenti (con lui, Berti, Spinelli e Romero) ad annunciare ufficialmente che giovedì la serie B scenderà in campo, rispettando il calendario della terza giornata.
Zamparini ha poi fatto felici i tifosi palermitani annunciando "ritiro le mie dimissioni".

Fonte: gazzetta.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

10 settembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia