I beni confiscati alla mafia gestiti da giovani disoccupati

12 settembre 2002
Il prossimo obiettivo del consorzio "Sviluppo e legalità", che gestisce i progetti di recupero dei beni requisiti a Cosa nostra, è quello di trasformare, dopo adeguati corsi di formazione, dei giovani disoccupati in amministratori e manager d'azienda per la gestione di questi beni, che solo negli ultimi 12 mesi sono stati 1.537.

Scopo non privo di difficoltà ma di grandissima importanza: rappresenta il capovolgimento di una cultura atroce che una volta vedeva i giovani rivolgersi ai mafiosi per trovare lavoro.

Oggi i giovani possono chiedere allo Stato di lavorare nelle aziende create con i beni sequestrati ai mafiosi.
Meraviglioso.

Così in due soli anni hanno preso il via 5 progetti infrastrutturali che sfruttano i vigneti e le terre confiscate ai capiclan Riina e Bagarella, sparsi negli 8 comuni del palermitano divenuti, purtroppo, simboli della mafia.

Sono nate anche due aziende agrituristiche, un centro ippico, una cantina vinicola e un laboratorio di piante officinali che occupano 25 giovani.

Una nobile manovra di economia del lavoro che ha bisogno di essere incentivata e sfruttata nella migliore delle maniere, senza strumentalizzazioni e banali polemiche, come quella di questi giorni, suscitata dall'attuale presidente del consorzio.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 settembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia