La Sicilia, puntualmente, perde treni...

In 2 anni, Trenitalia ha soppresso nell'isola ben 6000 convogli

26 ottobre 2013

Pochi treni in Sicilia. Da gennaio 2012 ad oggi ne sono stati soppressi ben 6000 regionali, ma solo 1500 sono stati sostituiti dai bus, due sole le navi utilizzate per l'attraversamento dello Stretto, tempi lenti di percorrenza per via di un continuo inserimento di fermate ai collegamenti veloci e una riduzione complessiva di circa 3 mln di Km/treno dal 2008 ad oggi, tratte inadeguate, treni vecchi (età media 20 anni di servizio) che si guastano, biglietterie chiuse, mancanza di sottopassaggi, stazioni quasi del tutto abbandonate prive delle sale di attesa, degrado della qualità dei servizi, vetture sovraffollate nelle fasce orarie pendolari.

Insomma, un vero e proprio schifo, riconosciuto e risaputo. Ma se qualcuno ancora non conoscesse tale disastrosa situazione, potrà informarsi grazie ai numeri e i dati raccolti dalla Fit Cisl, che dallo scorso 29 aprile è in 'tour' sul camper nell'ambito della iniziativa 'Alla ricerca del treno perduto', e ha fatto tappa fra le principali stazioni dell'Isola, per documentare le gravi conseguenze dei tagli al trasporto ferroviario regionale, raccogliere le testimonianze dei cittadini e presentare le proposte alle Fs ed alle istituzioni. Tutto è stato raccolto in un dossier presentato nei giorni scorsi nel corso di un incontro a Palermo.

La linea ferroviaria nel complesso, in base al dossier, è composta da 1.378 km, solo 178 a doppio binario, 800 elettrificate, 578 a diesel. Gli impianti ferroviari sono 161, 4 quelli per il traghettamento. Da gennaio 2012 ad ottobre 2013, sono stati circa 6 mila i treni soppressi per un corrispettivo di circa 300 mila km/treno, di questi appena 60 mila km/treno sono stati sostituiti da bus (solo 1.500 treni), 4.500 i treni programmati e quindi finanziati, che non hanno circolato. In termini assoluti con l'orario ufficiale in Sicilia circolano 407 treni al giorno su 1378 Km di linea ferrata per una regione che è fra le più estese d'Italia, risulta decisamente insufficiente. "Analizzando nel dettaglio l'offerta commerciale di Trenitalia, è facile capire che la metà del servizio offerto riguarda l'hinterland palermitano".

I restanti 200 treni, che dovrebbero garantire i collegamenti nelle e tra le altre 8 province siciliane, "sono risultati del tutto insufficienti, infatti su quasi tutte le tratte sono stati riscontrati buchi anche di diverse ore, tra un treno e l'altro", si legge nel rapporto. [AGI]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 ottobre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia