Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

La STMicroelettronics ha deciso di sopprimere 3000 posti di lavoro, 200 dei quali a Catania

Per il 23 giugno i sindacati protesteranno davanti alle fabbriche STM in Francia e in Italia

16 giugno 2005

STMicroelectronics ha precisato che sui 3.000 posti di lavoro che prevede di sopprimere nel mondo, Asia esclusa, 1.000 saranno in Francia e ''un numero dello stesso ordine di grandezza in Italia''.
Il produttore italo-francese di microchip aveva annunciato il mese scorso l'intenzione di sopprimere 3000 posti di lavoro entro la metà del 2006, senza precisare la ripartizioni per paese dei tagli occupazionali.

I tagli occupazionali a Catania prevedono 90 unità ottimizzando su scala globale le proprie attività Ews (collaudo elettrico delle fette di silicio) e 120 armonizzando le funzioni di supporto, riducendo i costi e razionalizzando le attività (al di fuori della produzione). Dei 210 sono da decurtare 38 persone che sono già andate in pensione quest'anno, e la cifra finale è così scesa a 172.
''L'azienda - ha commentato Orazio Freni, segretario della Cgil di Catania alla fine del vertice - si è mantenuta su linee generiche, anche se ha sottolineato che i tagli saranno compiuti nell'arco di un anno. Certo a Catania così si blocca la crescita dell'azienda, e non ci saranno le 450 assunzioni annue che hanno finora caratterizzato il sito della ST nel capoluogo etneo''.

A Catania i dipendenti della multinazionale di microelettronica sono circa 4.800. I vertici di Stm hanno ribadito che l'azienda si ''impegna a fare il possibile per ridurre al minimo l'impatto sociale di questa riorganizzazione''. ''Il progetto - è stato riconfermato - sarà messo in opera nel solco della visione sociale della ST e nello specifico, qualora sia possibile, prendendo misure che favoriscano scelte volontarie, come misure di prepensionamento, creazione d'impresa, progetti personali, passaggi al part-time''.
Ma i sindacati si oppongono al piano dell'azienda. ''Respingiamo il progetto di STMicroelectronics e valuteremo insieme ai lavoratori le iniziative da assumere - ha detto Marzio Brambilla della Rsu -. Abbiamo già idee molto precise su quali saranno gli interventi dell'azienda, dove e come andranno a colpire, anche perché già sappiamo che il 50% degli esuberi riguarda la produzione e l'altra metà impiegati, ma ci riserviamo di valutare in modo più approfondito il documento che ci è stato presentato''.

Per il momento di STMicroelectronics ha affermato di non voler ancora iniziare alcuna procedura, ma di voler verificare quanti lavoratori aderiranno spontaneamente al piano grazie a prepensionamenti e dimissioni agevolate. Rimane ferma l'iniziativa già fissata dai sindacati per il 23 giugno, con presidi e altre forme di protesta davanti alle fabbriche, in Italia e in Francia.

Fonte: La Sicilia, 14 Giugno 2005

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia