Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Le Siciliane di A

Disfatta vulcanica... (Catania - Palermo 4-0). Vittoria esplosiva... (Catania - Palermo 4-0)

04 aprile 2011

La partita vista dal tifoso...
Buon lunedi' a tutti...
E allora??? Cosa dobbiamo commentare? La vittoria del Catania? La disfatta del Palermo? Il licenziamento di Cosmi? Il ritorno di Rossi?
Come vedete, sarebbero tante le cose da discutere, ma in cuor mio non mi andrebbe di parlare di nulla, perché è questa la sensazione che ho avuto ieri pomeriggio guardando la partita.
Zero reazione dopo il gol, sia in campo che dalla panchina perché, a mente serena, Cosmi dovrebbe spiegare al popolo rosanero la motivazione delle sue scelte. Pastore e Miccoli in panchina, i cambi senza senso, una squadra che ha dato il sussulto 15 giorni fa con il Milan ma che ieri pomeriggio si è squagliata al primo sole.
E ora il ritorno di Rossi...
E' andato via con le lacrime ma ritorna con che spirito?
Quello della rivalsa nei confronti del suo presidente? Oppure nei panni del salvatore della patria?
Io ho la convinzione che il Palermo, con il suo ritorno in panchina, ritrovi la voglia di far vedere a tutti che il black-out è stato un nuvolone passeggero.
Domenica con il Cesena la riprova.
Buon calcio a tutti.
[A.G.]

CATANIA - PALERMO 4-0
CATANIA (4-2-3-1): Andujar 6.5, Alvarez 6.5, Silvestre 6.5, Spolli 6.5, Marchese 6.5, Carboni 7, Lodi 7 (25' st Pesce 7), Schelotto 7, Ricchiuti 7.5 (24' st Gomez 6.5), Bergessio 6.5 (20' st Ledesma 7), Maxi Lopez 6.5. (30 Campagnolo, 18 Augustyn, 23 Terlizzi, 15 Morimoto). All. Simeone 7.5
PALERMO (3-5-2): Sirigu 5, Munoz 5, Goian 5.5, Bovo 5, Cassani 5, Migliaccio 5.5, Bacinovic 6 (7' st Pastore 5), Nocerino 5.5, Balzaretti 4.5, Hernandez 5.5, Pinilla 5.5. (99 Benussi, 66 Andelkovic, 36 Darmian, 94 Acquah, 77 Kurtic, 10 Miccoli). All. Cosmi 4.5
Arbitro: Morganti di Ascoli Piceno 6.
Reti: nel st 3' autorete Balzaretti, 15' Bergessio, 22' Ledesma, 31' Pesce.
Note: angoli 9-4 per il Catania. Recupero 2' e 0'. Ammoniti Silvestre, Munoz, Pastore, Hernandez e Migliaccio per gioco scorretto. Spettatori 9.853 paganti, 9.283 abbonati, incasso 175.830 mila euro.
-------------------------------------------------------

La storia si ripete. E quando accade, può essere un sogno o in incubo. Questione di punti di vista, come sempre. Catania batte Palermo 4-0. Ancora una volta. A un biennio di distanza dal memorabile exploit del Barbera, i rossazzurri concedono il bis nel derby al Massimino, dove i tifosi ospiti (circa 400) si rivedono quattro anni dopo la tragica notte del 2 febbraio 2007 in cui perse la vita l'ispettore di polizia Filippo Raciti.
Stavolta non c'è un gol da fantascienza come quello di Mascara da centrocampo a illuminare la scena. Stavolta tutto si concentra in una frazione di gioco, la seconda. Bastano 45' agli etnei per avviare e completare una grandinata di reti che spazza via dal campo il Palermo.

Cinico e spietato come richiedono le esigenze di classifica, il Catania sfrutta il primo episodio a proprio favore, un pastrocchio tra Balzaretti e Sirigu, come propulsore per lanciarsi in una serie di accelerazioni offensive che demoliscono gli avversari, sfaldatisi alla prima difficoltà palesando una fragilità psicologica che fa il paio con quella difensiva, vecchio punto critico sin dalla gestione targata Delio Rossi. Stop durissimo, che costa il posto a Serse Cosmi (autore di scelte piuttosto discutibili), esonerato in tarda serata. Al suo posto torna Rossi.
La gara è a dir poco dai due volti. I portieri restano disoccupati, o quasi, per l'intero primo tempo. Il Catania cerca di sfruttare la carta Schelotto, promosso titolare al posto di Gomez, per sfondare a destra e allargare il fronte del gioco, ma il Palermo resta compatto lasciando pochi spazi a disposizione dei catanesi, ai quali non bastano la qualità e la generosità di Ricchiuti per trovare profondità e cambio di passo.
I rossazzurri creano qualche apprensione a Sirigu solo con uno spunto di Lopez, che va via sulla destra senza però trovare un compagno sotto porta per concludere l'azione, e un tiro-cross di Alvarez. Non fanno molto di più i rosanero, che in avvio non sfruttano un contropiede con Hernandez (tiro alto) e quindi si fanno vedere solo con un paio di conclusioni dalla distanza di Bacinovic.

Come spesso accade in questi casi, è una giocata individuale a sbloccare la situazione. Solo che stavolta i protagonisti si distinguono in negativo. E' Balzaretti, con la complicità di Sirigu, a rompere l'equilibrio appoggiando male di petto verso la propria porta su un traversone di Maxi Lopez e sorprendendo il portiere, non esente da colpe: Lodi non tocca il pallone, che finisce lentamente in rete.
Potrebbe essere solo episodio, è invece l'inizio della fine per il Palermo. Cosmi butta subito nella mischia Pastore, affaticato dalla trasferta con la nazionale argentina e lasciato inizialmente in panchina, chiamando però fuori Bacinovic, il migliore dei suoi centrocampisti. Mossa quanto meno improduttiva. Hernandez, a conclusione di un duetto con Pinilla, mette i brividi ad Andujar con una potente conclusione dalla distanza, ma a fare male è ancora il Catania: l'ispirato Ricchiuti fa la differenza lanciando in porta Bergessio, che batte Sirigu con un morbido tocco sotto la traversa.

Il Palermo prova a reagire chiamando Andujar a due deviazioni in angolo su tiri di Pinilla e Balzaretti, ma sbanda in difesa e viene castigato ancora. Stavolta è Ledesma, appena entrato al posto di Bergessio, a fare centro con una percussione centrale che lo porta a raccogliere un pallone difeso in area da Maxi Lopez e a battere Sirigu dalla breve distanza esplodendo poi in una gioia polemica nei confronti del pubblico che nel passato lo aveva fischiato ripetutamente.
I rosanero non ci sono più e il Catania dilaga. Come Ledesma, Pesce passa in pochi istanti dalla panchina al tabellino dei marcatori: lancio di Gomez, scatto a eludere il fuorigioco e pallonetto millimetrico ai danni di Sirigu. Il Massimino è in delirio, il Palermo in disarmo. Gli etnei gestiscono il pallone tra gli olè del pubblico, che chiede pure il quinto gol. Non arriverà, ma per fare festa, ai tifosi e alla banda di Simeone, basta e avanza così.

Fonte: Lasiciliaweb Sport

- La classifica di serie A (Uefa.it)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 aprile 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia