Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Miracolo a... Palermo

I rosanero conquistano la finale di Coppa Italia battendo il Milan per 2-1 al 'Barbera'

11 maggio 2011

PALERMO - MILAN 2-1
PALERMO (3-4-2-1): Sirigu 6, Cassani 6, Goian 7, Bovo 6.5, Balzaretti 7, Migliaccio 8, Acquah 5.5 (34' pt Bacinovic 6), Nocerino 6.5, Ilicic 6.5, Pastore 7 (31' st Munoz sv), Hernandez 6 (38' st Pinilla sv). (99 Benussi, 36 Darmian, 11 Liverani, 10 Miccoli). All.: D. Rossi 7.5.
MILAN (4-3-1-2): Abbiati 6, Abate 6.5, Thiago Silva 6.5, Nesta 6 (35' st Cassano sv), Antonini 6 (46' pt Bonera 5.5), Flamini 6, Van Bommel 5.5, Pirlo 6.5, Seedorf 6 (20' st Ibrahimovic 6.5), Robinho 5.5, Pato 5. (1 Amelia, 76 Yepes, 23 Ambrosini, 27 Boateng). All.: Allegri 6.
Arbitro: Rocchi di Firenze 6
Reti: nel st 18' Migliaccio, 28' Bovo rigore, 49' Ibrahimovic.
Note: angoli: 7-5 per il Milan. Recupero: 4' e 6'. Espulsi: nel st 27' Van Bommel per fallo da ultimo uomo su Ilicic, 30' Bovo per gioco falloso. Ammoniti: Bacinovic, Balzaretti, Ibrahimovic, Cassani per gioco falloso. Spettatori: 33.414, per un incasso di 808.186,00 euro.
---------------------------------

Il Palermo batte il Milan e conquista la terza finale di Coppa Italia della propria storia, dopo quelle del 1974 e del 1979, perse rispettivamente contro Bologna (ai rigori) e Juventus (nei supplementari). È stata una serata magica, da incorniciare per la squadra di Delio Rossi, con il popolo rosanero letteralmente impazzito di gioia. Una serata storica, che difficilmente potrà essere dimenticata. Anche perchè potrebbe voler dire l'accesso immediato all'Europa League, se l'avversario della finale fosse l'Inter.
Il Palermo aveva già creato a San Siro - con un decisivo 2-2 - i presupposti per un'impresa che alla vigilia poteva apparire velleitaria e che invece rende merito alla squadra che forse più dell'altra ha cercato, voluto ed ottenuto la finale del 29 prossimo, nello stadio Olimpico di Roma. Dopo un primo tempo giocato col cuore in gola, soffertissimo, la squadra di Rossi, nella ripresa, ha invertito l'inerzia del match, mettendo sotto il Milan che esce dal Barbera con la seconda sconfitta della stagione sul groppone, dopo lo 0-1 del marzo scorso (ma in panchina c'era Cosmi).

Il Milan lascia Ibra in panchina ma prende subito il comando delle operazioni, anche perchè deve invertire il trend legato al punteggio dell'andata: il 2-2 di San Siro, infatti, obbliga i rossoneri a tenere pigiato il piede sull'acceleratore ed a riversarsi nella metà campo avversaria, nella speranza di trovare il varco giusto o la giocata vincente. Il Palermo arretra, si chiude a riccio, pronto a ribaltare la manovra, magari sfruttando la velocità dei propri avanti. I neocampioni d'Italia sfiorano subito il gol con Robinho che, dopo soli 180", viene pescato da Pirlo completamente solo nella trequarti del Palermo: il controllo è buono, la conclusione in curva nord. Il pubblico fischia, per paura più che per voglia di rivalsa.
Passano altri 5' dalla disastrosa conclusione di Robinho ed il Milan gela nuovamente il Barbera, con una conclusione di Flamini che - da circa 22 metri - fa tremare il palo alla sinistra di Sirigu. Il Palermo non si scuote e resta prigioniero dei propri timori. I rosanero potrebbero metterla sul piano della velocità, ma restano bloccati e la loro esplosività viene limitata da un'avvolgente ragnatela di passaggi del Milan, con il pallone che viaggia da sinistra a destra, da destra a sinistra, fra i piedi sapienti di Pirlo, Seedorf, Robinho e Thiago Silva.
Il Palermo la vede poco, sembra sempre sul punto di creare qualcosa d'importante, ma non ci riesce. I rosanero si fanno vedere al quarto d'ora, con una bella azione orchestrata sulla destra da Migliaccio, rifinita da Hernandez con un tocco di petto arretrato per Pastore che manda alto. Poco prima, Seedorf non aveva inquadrato la porta e, poco dopo, una punizione di Pirlo, con il pallone che rimbalza davanti a Sirigu, tiene sui tizzoni il portierino del Palermo. Che, dopo la mezz'ora, sostituisce Acquah per il più pragmatico Bacinovic; un intervento da 'Mai dire gol' di Thiago Silva manda negli spogliatoi Antonini con una distorsione al ginocchio.

Nella ripresa il Milan parte bene e va vicino al gol questa volta con Pato, il tiro è largo. È a quel punto che il Palermo si scuote, sale in cattedra e comincia a macinare gioco, come non era riuscito a fare nel primo tempo. Il Milan non riesce a tamponare le scorribande degli avanti rosanero, che si buttano nella metà campo degli avversari con grande impeto. Arriva pure il gol, sia pure su calcio d'angolo, e non è un caso che segnarlo sia Migliaccio, uno dei migliori del Palermo e autore di un perentorio colpo di testa.
Poco dopo i rosanero potrebbero raddoppiare con Hernandez, la cui conclusione dà solo l'illusione del gol, ma si spegne sull'esterno della rete. La svolta poco prima della mezz'ora, con l'espulsione di Van Bommel, costretto a fermare Ilicic a pochi passi da Abbiati, ed il rigore trasformato da Bovo che, poco dopo, si fa espellere per un intervento in ritardo su Pato.
Nel finale il Milan sfiora il gol con una deviazione ravvicinata di Ibrahimovic, che riesce ad arpionare il pallone, ad indirizzarlo verso Sirigu ma, prima colpisce il palo di destra e poi quello di sinistra, facendo danzare la sfera suilla linea di porta. Lo svedese non molla e nel recupero firma il punto della bandiera con un preciso tocco a scavalcare Sirigu su assist di Cassano. Il Palermo trema per qualche istante e al triplice fischio di Rocchi fa esplodere la propria gioia.

Fonte: Lasiciliaweb Sport

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 maggio 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia