Per vincere l'Aids, a nuoto attraverso lo Stretto

L'impresa di Claudio Belcuore, malato di Aids

07 settembre 2001
Vuole dare un messaggio forte agli altri ammalati perché evitino la resa al male ed escano dall'isolamento
Domenica alle 11,30 Claudio Belcuore, affetto dalla sindrome da immunodeficienza acquisita, tenterà di attraversare a nuoto lo Stretto di Messina.

Belcuore lascerà punta Faro cuspide dell'isola e raggiungerà punta Cariddi cuspide del Continente.
Detto con una metafora, Belcuore "attraverserà lo stretto dell'indifferenza".

All'iniziativa hanno aderito tantissime istituzioni messinesi tra cui la Curia di Messina che per bocca del suo arcivescovo Giovanni Marra ha tracciato un percorso atto a raggiungere la massima concretezza nell'aiuto ai più deboli della società.

Claudio Belcuore ha fondato l'associazione "Un amico per fratello" che da anni si batte per il rispetto dei diritti degli ammalati di Aids.

In occasione della traversata a nuoto dello Stretto Belcuore ha avuto un valido aiuto dall'Associazione di volontariato riformista aventino presieduta da Roberto Cristiano.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 settembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia