Perché gli enti termali in Sicilia sono in rosso e altrove guadagnano miliardi?

11 ottobre 2001
In Sicilia ci sono tre enti termali regionali, le Terme di Sciacca, quelle di Acireale, e quelle di Vigliatore (perfettamente sconosciute): queste aziende invece di guadagnare perdono soldi.

Negli ultimi cinque anni la Regione ha ripianato i debiti delle Terme di Acireale per una trentina di miliardi; a Sciacca invece ha dato negli ultimi due anni un finanziamento a pareggio di quasi sei miliardi e mezzo.

Qualche esempio di quello che accade altrove.

Le Terme di Saturnia, nella zona etrusca della Toscana, sono state acquistate pochi anni addietro da un siciliano, e rilanciate: il bilancio è di duemila persone al giorno (pagano 34 mila lire per l'ingresso). In un anno fanno circa 20 miliardi, solo per i biglietti.

Ma questo è solo per l'accesso alle piscine di acqua calda sulfurea, poi ci sono i "trattamenti", il fango, i visi, i massaggi, le inalazioni, e questo triplica gli incassi per cui si arriva a circa 50-60 miliardi l'anno. I 150 addetti costano circa 10 miliardi l'anno, le spese di gestione saranno sui 20 miliardi.
Poi bisogna anche considerare l'indotto: tutti gli alberghi e gli agriturismo e i ristoranti in un raggio di 30 chilometri sono pieni dieci mesi l'anno.

Il business è grande, perchè la gente vuole andare in vacanza, ma anche prendersi cura del proprio corpo.

Da noi però questa ricchezza è stata trasformata in una voragine di debiti sino al punto che le gloriose Terme di Acireale hanno rischiato di chiudere.
Senza dire che le bellezze paesaggistiche e culturali dei contesti dove si trovano le nostre acque termali sono incomparabilmente più attraenti di quelle di altri luoghi della penisola.

… senza commenti.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 ottobre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia