Raggiunto uno ''storico'' accordo tra sindacati e Atesia-Almaviva, il maggior gruppo del settore dei call center

15 dicembre 2006

Il gruppo Atesia-Almaviva, che gestisce call canter in tutta Italia, entro il prossimo anno assumerà 6.500 precari. I neoassunti, finalmente potranno vedersi offrire un contratto a tempo indeterminato che contempla i contributi malattia, i congedi per la maternità e il diritto delle ferie e, soprattutto, che cancellerà una volta per tutte la differenza tra i centralinisti che ricevono le telefonate e quelli che chiamano gli utenti per offrire servizi o proporre nuovi prodotti.
La nuova politica del gruppo è stata resa possibile grazia alla firma del patto che il maggior gruppo del settore call center ha raggiunto con Cgil, Cisl e Uil.

Per il ministro del Lavoro Cesare Damiano, l'accordo è stato una vera e propria ''svolta'': ''Un successo del sindacato e dell'impresa''. Lo stesso gruppo Almaviva ha annunciato che il contratto è ''senza precedenti negli ultimi dieci anni di storia industriale'', tale da augurarsi che sia ''esteso a tutto il settore dei call center''.
Augurio che per il ministro Damiano è un'esigenza: ''Adesso - ha detto infatti il ministro Damiano - bisogna guardare avanti: le condizioni di stabilità dell'occupazione e del costo del lavoro dovranno essere rese omogenee in tutte le aziende di call center, con contrattazione aziendale o territoriale. Bisogna consentire pari diritti ai lavoratori e concorrenza leale tra imprese''.

L'accordo firmato tra i sindacati (Uil Uilcom, Cgil Slc, Cisl Fistel) e il Gruppo Almaviva (Atesia-Cos-Cosmed-Aticos-In-action), stabilizzerà entro il 2007 4.000 lavoratori inbound (chi riceve le telefonate), e 2.500 in attività mista, con l'assunzione a tempo indeterminato part-time a 4 ore al terzo livello del contratto delle Telecomunicazioni. Per i rimanenti circa 1.000 lavoratori in outbound, chi fa le telefonate, è prevista l'assunzione con contratto di apprendistato professionalizzato.

L'ottenimento del contratto è stato, comunque, ''sudato'' dai lavoratori di Roma, Napoli, Palermo e Catania. Il gruppo Almaviva gestisce il maggior gruppo di call center d'Italia: a lavorare per loro sono in 13mila sui 250mila dipendenti dei call center italiani. ''L'accordo sulla stabilizzazione dei precari - ha commentato Bruno Di Cola, segretario generale della Uilcom - è di portata storica. Bisogna che questo principio di stabilizzazione trovi attuazione in tutte le imprese del settore per garantire pari diritti e stesse regole di mercato''.
In Sicilia sono 2.653 i precari del gruppo Almaviva che verranno stabilizzati con contratto di lavoro part time a tempo indeterminato.
L'intesa, nel dettaglio, riguarda i 1.100 lavoratori a progetto della Cosmed e i 740 dell'Alicos a Palermo; inoltre i 760 lap della Sicos di Catania. A questi si aggiungono 53 interinali dell'Alicos.
''L'accordo - hanno detto Barbara Apuzzo, della segreteria regionale Cgil, e Rosario Faraone, segretario generale della Slc Cgil siciliana - mette fine al precariato e al finto lavoro autonomo nelle aziende del gruppo. Per la Cgil, che lo ha perseguito tenacemente battendosi anche per l'inserimento degli interinali, è un risultato importante che ora sottoporremo alla valutazione dei lavoratori''.

La battaglia sindacale si sposta ora sull'organizzazione del lavoro. ''Adesso - dicono Apuzzo e Faraone - si dovrà discutere di orari, turni, condizioni di lavoro e di premi di produttività, di tutti quegli argomenti cioè che attengono alla cosiddetta contrattazione di secondo livello che si aprirà a gennaio''.
Nell'ambito della battaglia contro il precariato, la Cgil chiede peraltro al governo regionale di inserire nella finanziaria, in discussione all'Ars, un emendamento a costo zero che introduce l'obbligo per enti e aziende pubbliche che affidano a terzi servizi di call center di richiedere che chi partecipa alle gare di appalto garantisca che ai lavoratori verrà applicato il contratto di lavoro dipendente. ''Questo - sostiene Apuzzo - per evitare che si facciano i ribassi sulla pelle dei lavoratori''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 dicembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia