Ralf Schumacher ha vinto il GP d'Europa davanti a Montoya

Michael Schumacher 5° posto dopo un contatto col colombiano Montoya

30 giugno 2003
E' stato il trionfo di Ralf Schumacher (primo al traguardo), della Williams (con Juan Pablo Montoya secondo) e della BMW (due motori tedeschi davanti a tutti nella gara di casa). Il GP d'Europa disputato oggi al Nürburgring ha regalato anche un altro k.o. per la McLaren (Kimi Raikkonen si è ritirato per la rottura del motore e David Coulthard per un'uscita di pista nel finale) e un duro smacco per la Ferrari di Michael Schumacher, finito quinto dopo essere andato in testacoda toccando la Williams di Montoya che lo sorpassava. Michael ha comunque allungato in classifica su Raikkonen. L'onore del Cavallino è stato salvato da Rubens Barrichello, terzo. In zona punti anche Alonso (quarto), Webber (sesto), Button (settimo), Heidfeld (ottavo). Brutta gara per i due italiani: Jarno Trulli si è ritirato, Giancarlo Fisichella 12°.

In partenza sono scattati benissimo Raikkonen (che ha mantenuto la testa), Ralf Schumacher (che ha scavalcato il fratello, terzo) e Barrichello (subito dietro alla Ferrari del compagno di squadra Michael). Raikkonen ha iniziato a macinare giri veloci in serie guadagnando circa sei secondi su Ralf e Michael. Dietro di loro Barrichello, Montoya e le due Renault di Trulli e Alonso completavano il gruppetto dei migliori. Così senza sussulti si è arrivati al primo pit-stop del 15° giro. Raikkonen e Schumi sono rientrati subito, mentre Ralf ha atteso altri sei giri ripartendo però dietro a Raikkonen dopo la sua sosta. Il primo momento culminante del GP è però arrivato dopo altre cinque tornate. Il motore di Raikkonen è esploso spegnendo il sogno del finlandese di tornare in testa al Mondiale. Un brutto colpo per la McLaren (due gare in rosso quando si lotta per il titolo sono pesanti) e per la Mercedes (rompere un motore in Germania è una ben magra figura).

Emozioni nella seconda parte di gara grazie a Juan Pablo Montoya. Il colombiano ha prima scavalcato Barrichello grazie alla sosta ai box e poi si è lanciato all'inseguimento di Schumi culminato al 43° giro con un sorpasso da ricordare. Ha fintato il passaggio a destra, si è allargato a sinistra e nella staccata ha sopravanzato la Ferrari del campione del mondo che ha pure toccato la fiancata della Williams. Un contatto pagato carissimo perché la Ferrari si è girata e Michael è ripartito perdendo posizioni spinto grazie all'intervento dei commissari. Inutile dire che di questa manovra si parlerà a lungo, anche perché in questa F.1 di sorpassi se ne vedono ormai sempre di meno. I commissari hanno riguardato la manovra più volte, ma non hanno riscontrato irregolarità. Il trionfo Williams si è completato così. 


Fonte: gazzetta.it


Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 giugno 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia