Quella villa romana nel sottosuolo di Castellana Sicula

Nel Parco delle meraviglie, una costruzione rustica di età imperiale dotata anche di terme

19 dicembre 2016
quella-villa-romana-nel-sottosuolo-di-castellana-sicula

ph. Azotoliquido - Opera propria, CC BY-SA 3.0

Una decina di anni fa a Castellana Sicula, durante i lavori per la costruzione di un parco urbano, è stata scoperta una villa rustica di età imperiale-romana con tanto di terme e tracce di una fornace normanna.
Il parco delle meraviglie di Castellana Sicula, così è stata denominata la vasta zona archeologica di contrada Muratore, si trova ad un tiro di schioppo dal centro abitato ed è delimitata dalla presenza di due corsi d'acqua, il Muratore ed il Lumesecco.


ph. www.cefalumadoniehimera.it

In passato nella zona sovrastante, tra Cozzo Morto e Cozzo Zara, sono state ritrovate numerose tombe ad inumazione.
Da anni si presumeva che in quel fazzoletto di terra vi potesse essere una città. Le prime scoperte risalgono agli anni Trenta quando l'archeologo Paolo Mingazzini trovò una serie di ipogei e di tocularia, assieme ad alcune tracce di murature ricurve, le esedre, spazi semicircolari che fungevano da sedili tipici di ville romane.

A metà degli anni Novanta, durante i lavori per la costruzione del parco urbano, da scavi effettuati dal professore Domenico Pancucci, è stato ritrovato del materiale databile al periodo bizantino.
Infine, la scoperta più importante: la villa romana, un vero e proprio insediamento abitativo con tanto di percorsi selciati, un insediamento che sarebbe stato distrutto violentemente, come dimostra il ritrovamento di tracce di bruciatura.

- www.comune.castellana-sicula.pa.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia