Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'avvocato di Sakineh torturato in carcere

L'uomo è riuscito a far avere una sua lettera ad alcuni media internazionali: "Sono stato torturato selvaggiamente e hanno arrestato mia madre"

02 marzo 2011

"Sono stato torturato selvaggiamente, ma non mi arrendo e non chiuderò gli occhi di fronte a tanta ingiustizia". E' quanto scrive Javid Houtan Kian, avvocato dell'iraniana Sakineh Mohammadi Ashtiani, in una lettera scritta dal carcere e indirizzata ad alcuni media internazionali, tra cui cita Aki-Adnkronos International.
L'uomo, che secondo il Comitato internazionale contro la lapidazione è stato condannato a morte e rischia una impiccagione immediata, chiede in particolare che il suo messaggio arrivi al Vaticano, affinché si mobiliti sul suo caso.
All'inizio della lettera, consegnata clandestinamente a un suo contatto, Houtan Kian fa riferimento ad alcune testate internazionali che hanno seguito il caso Sakineh, tra cui Aki, Bbc, Le Monde e Voice of America, chiedendo che il suo messaggio sia portato anche all'amministrazione Usa, al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, a ong come Avvocati senza frontiere e a Mina Ahadi, presidente del Comitato contro la lapidazione. "Ho trascorso molti giorni in una cella in isolamento nel carcere di Evin a Teheran e da 15 giorni mi hanno portato di nuovo nel carcere di Tabriz, nella sezione per i tossicodipendenti e i malati di Aids", scrive Houtan Kian, arrestato il 10 ottobre 2010.
L'uomo è finito in manette insieme a Sajjad Ghaderzadeh, figlio di Sakineh, e a due giornalisti tedeschi (questi ultimi liberati due settimane fa) che li intervistavano a Tabriz sul caso della donna condannata alla lapidazione per adulterio e complicità nell'omicidio del marito. L'avvocato scrive di avere "12 denti rotti" e "bruciature di sigarette sui testicoli". "A causa degli evidenti segni delle torture che ho subito, non mi è stato concesso di farmi visitare da un medico", scrive ancora l'avvocato, che in una serie di interviste ad Aki a settembre 2010 aveva chiesto una mobilitazione internazionale per salvare Sakineh. "Mia madre risiede da tempo negli Usa e, quando ha saputo del mio arresto è tornata subito in Iran - scrive ancora l'uomo - Ora è stata rinchiusa in un carcere del ministero dell'Intelligence, per evitare che rilasci interviste sul mio caso". [Adnkronos/Aki]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

02 marzo 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia