Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Un altro atleta si rifiuta di portare la fiaccola olimpica: si tratta di Bhaichung Bhutia, stella del calcio indiano

01 aprile 2008

Dopo una apparente apertura, almeno nei confronti del Dalai Lama, ieri nel giorno dell'arrivo della fiaccola olimpica a Pechino (leggi) la Cina è ritornata ad attaccare il capo spirituale tibetano, che ha accusato di avere "premeditato e organizzato" le proteste anticinesi che si protraggono da oltre due settimane.
E' lui, secondo il governo cinese, ad aver creato una "struttura filo-indipendenza", ad aver "abusato della religione", e "fatto troppa politica". Il fatto che il Dalai Lama continui a negare tutto questo, ripetendo di volere per il Tibet solo una "genuina" autonomia e non l'indipendenza viene letto come "ipocrisia". Se costui, si leggeva ieri in un editoriale dell'agenzia governativa Nuova Cina, "desiderasse davvero essere un semplice monaco buddista, dovrebbe smetterla di fare politica e di parlare con la gente, gli occidentali in particolare, delle sue ipocrite richiesta di autonomia. Ma l'auto proclamato leader spirituale ha evidentemente dimenticato la sua identità, abusa della religione e gioca troppo con la politica".

Ma la protesta anti-cinese non si ferma, e viene fuori esprimendosi attraverso diverse forme.
Una delle star del calcio indiano, Bhaichung Bhutia, buddista, originario di Sikkim, uno stato incuneato tra Cina e Nepal, ha annunciato che non porterà la fiaccola olimpica, in segno di solidarietà con le sofferenze del popolo tibetano: "Sono solidale con la causa tibetana", ha scritto in una lettera all'Associazione Olimpica Indiana e pubblicata dal 'Times of India'. "Ho molti amici buddisti nel Sikkim. Questo è il mio modo di essere accanto alla popolazione del Tibet e alla loro lotta". "Penso che non sia giusto quel che sta accadendo in Tibet e, nel mio piccolo, voglio mostrare la mia solidarietà", ha spiegato, sottolineando che la sua decisione è "assolutamente personale".
La fiaccola olimpica arriverà in India il 17 aprile e Bhutia era uno degli atleti prescelti a portare per un tratto la torcia lungo il percorso. Il 31enne capitano, che è stato insignito della terza carica onorifica più importante indiana per aver contribuito a diffondere la passione per il calcio in un Paese, in cui lo sport nazionale è il cricket, ha giocato tra l'altro anche con una società inglese, il Bury Footbal Club.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 aprile 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE