Approvata alla Camera la riforma sugli asili nido: dai micronidi agli asili di quartiere

Per il ministro Maroni una legge che va verso una politica d’integrazione tra vita lavorativa e quella familiare

26 novembre 2003
È stato approvato dalla Camera dei deputati il disegno di legge sugli asili nido. Il ministro del Welfare, Roberto Maroni, ha dichiarato: "Si tratta di una legge che va nel senso della politica di integrazione tra la vita lavorativa e quella familiare. Spero che il Senato l'approvi in tempi rapidi perché è attesa con grande interesse".

Tra le novità previste dal disegno di legge approvato alla camera c'è la possibilità per famiglie e cittadini, sia in forma individuale sia in forma associativa, di organizzare e gestire un asilo nido.
Per la prima volta in Italia, sul modello di esperienze già consolidate in Europa, si potranno quindi creare asili nido familiari o di quartiere, a integrazione o sostituzione del servizio pubblico. Inoltre è introdotta l'istituzione di micro nidi aziendali, previsti anche nella pubblica amministrazione e negli enti pubblici.

In pratica, il sistema dei servizi per l'infanzia viene ridisegnato su tre pilastri: - gli asili nido – i servizi integrativi - i servizi innovativi.
I primi sono i sevizi erogati dagli asili già esistenti; i secondi sono i servizi a integrazione dell'asilo nido; i "servizi innovativi" sono i micro nidi e gli asili nido all'interno dei luoghi di lavoro, i nidi familiari organizzati dalle famiglie presso il proprio domicilio, i nidi di caseggiato organizzati dalle famiglie e destinati ai bambini che vivono in abitazioni limitrofe.

Alle regioni e ai comuni va il compito di favorire l'attivazione dei servizi innovativi come i micro nidi e gli asili nido sui luoghi di lavoro. La Conferenza unificata Stato-regioni-città definirà i criteri generali per la realizzazione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia e quelli per l'autorizzazione all'apertura di un asilo nido o di un micro nido.

La legge promuove anche la ricerca scientifica in campo psico-pedagogico: in accordo con il ministero dell'Istruzione, dell'Università e Ricerca, presso il ministero è istituita una Commissione permanente di 5 esperti di pedagogia e handicap infantile, con compiti di studio e monitoraggio del funzionamento del sistema dei servizi. Ogni anno inoltre, entro il 30/9, il ministro del Lavoro presenterà una relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della legge.

La bocciatura è arrivata da parte dei Ds : "E' arretrata, una presa in giro, quasi una beffa". La proposta di riforma all'esame della Camera rappresenta ''un grande passo indietro'', dicono Livia Turco, Barbara Pollastrini, Anna Serafini e Andrea Ranieri, che giudicano ''truffaldina'' e ''punitiva'' soprattutto la scelta di favorire i micronidi aziendali rispetto a quelli territoriali. Una scelta che, secondo i Ds, "creerà diseguaglianze tra i bambini".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia