Arriva il ''funzionario di turno'' per evitare disagi ai turisti nei siti archeologici

03 aprile 2002
Nel weekend di Pasqua si è assistito ad un vero assalto (pacifico) ai siti archeologici siciliani da parte di folle di turisti che si trovavano nell'Isola per trascorrere la prima vacanza di primavera.

Ma i problemi rimangono quelli di sempre: cronica carenza di personale e di custodi che obbliga a straordinari e turni a volte massacranti.

A questo va aggiunto il malcontento di lavoratori socialmente utili, precari e stagionali che chiedono  la agognata stabilizzazione.
Parecchi musei erano aperti con orario ridotto e alcuni chiusi per il festivo.

Nella Valle dei Templi, per ovviare a questi inconvenienti - che danno spesso un'immagine sgradevole della qualità dell'accoglienza in Sicilia - ha fatto il suo esordio il "funzionario di turno".

Una figura inedita per i siti siciliani, che prevede la reperibilità nei weekend di un funzionario, appunto, in grado di prendere decisioni immediate, assumendosene la responsabilità.

Una garanzia per i turisti e per i custodi nei casi, com'è accaduto in passato, di difficoltà alle biglietterie oppure ai servizi igienici.

Idea utile e interessante, che andrebbe forse istituzionalizzata all'interno di ogni Soprintendenza provinciale.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 aprile 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia