E-government

Da domani a Palermo il vertice internazionale per lo sviluppo tecnologico organizzato dall'Onu

09 aprile 2002
La conferenza sull'E-government organizzata dal governo italiano e dall'Onu per il 10 e 11 aprile nella sede del Parlamento siciliano cade nel pieno della crisi mediorientale e il livello di guardia è altissimo.

Obiettivo dell'incontro è far conoscere le opportunità offerte dall'e-government nel processo di crescita democratica dei paesi in via di sviluppo, favorendo gli investimenti esteri e l'assistenza finanziaria.

Come annunciato dal ministro Lucio Stanca, sono stati già promossi cinque progetti (con un finanziamento di 10 milioni di euro) che coinvolgono Albania, Giordania, Mozambico, Nigeria e Tunisia.

A Palermo saranno presenti il premier Berlusconi, il presidente della Banca mondiale, James Wolfensohn, componenti della segreteria generale dell'Onu e capi di governo di Albania, Mozambico, Nigeria e Tunisia.

Oltre a loro i delegati accreditati sono 450, e a chiusura dei lavori dovrebbero crescere fino a 600.
Ci saranno rappresentanti di oltre settanta paesi e circa 150 giornalisti provenienti da tutto il mondo.

Il progetto di cooperazione avviato dal governo Berlusconi col concorso dell'Onu non soddisfa però il mondo dei centri sociali e della sinistra movimentista che annuncia la sua mobilitazione.
Oltre ai centri sociali siciliani, saranno in piazza con una "catena umana" anche i giovani del "Comitato 2002 Futuro libero", con cortei e contro-manifestazioni.
"Contestiamo - si legge in una nota - la scelta di parlare del Sud del mondo e della differenza nella diffusione degli strumenti tecnologici fra paesi ricchi e poveri affrontando solo le questioni che interessano le fasce più ricche delle popolazioni di quei paesi. Non è dando un computer in più che si riequilibrano le opportunità".

Ma l'avvicinamento al cuore del vertice sarà impossibile.
La città è praticamente blindata e inaccessibile l'area dove si svolgerà il vertice e transiteranno i delegati.
Il drastico piano che  è scattato già alle 21 di ieri (8 aprile) blinda di fatto l'area compresa tra Piazza Indipendenza, Piazza del Parlamento, Piazza Vittoria e Cattedrale. Mentre il piano traffico impedirà il transito alle auto in un'area molto più ampia che coincide con quasi tutto il centro storico.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 aprile 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia