Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

I Comunisti italiani candidano il filosofo Gianni Vattimo come sindaco di Messina

29 aprile 2008

Il filosofo torinese Gianni Vattimo è il candidato a sindaco di Messina dei Comunisti italiani, nelle elezioni amministrative che in Sicilia si svolgeranno il 15 e 16 giugno prossimi. Lo ha reso noto la segreteria provinciale del Pdci sottolineando di "avere ricevuto la disponibilità" di Vattimo.
"I Comunisti italiani di Messina - si legge nel documento approvato dalla direzione del Pdci - presenteranno una candidatura a sindaco e presidente della Provincia sostenuta da eventuali altre liste di sinistra che vogliano avviare una politica alternativa a quella centrista che caratterizza il neonato Partito democratico". "Per la carica di sindaco di Messina - prosegue la nota del Pdci - è stata approvata la proposta di invitare le altre forze comuniste e di sinistra alternativa a candidare il noto filosofo Gianni Vattimo, che ha dato la sua disponibilità, e a individuare fra i personaggi di grande spessore culturale e politico di Messina il candidato a presidente della Provincia".

Chi è Gianni Vattimo - Nato nel 1936, a Torino, dove ha studiato e si è laureato in Filosofia. Dal 1964 insegna all'Università di Torino, nella quale è stato Preside, negli anni '70, della Facoltà di Lettere e Filosofia. E' stato "visiting professor" in alcune università americane (Yale, Los Angeles, New York University, State University of New York) e ha tenuto seminari e conferenze in varie università di tutto il mondo. Ha ricevuto lauree honoris causa da numerose università del mondo. E' Grande ufficiale al merito della Repubblica italiana (1997). Attualmente è vicepresidente dell'Academía de la Latinidade.

La politica - Seguendo le implicazioni politico-sociali della sua ispirazione filosofica, Vattimo si è poi impegnato appunto in politica, dapprima nel Partito Radicale, in qualità di rappresentante del "Fuori" (un impegno costante, quello contro le discriminazioni sessuali, che lo ha portato a partecipare negli ultimi anni, in qualità di Invitato permanente, al direttivo nazionale del Coordinamento Omosessuale DS); poi nel gruppo "Alleanza per Torino" in occasione delle prime elezioni comunali maggioritarie (1993) della sua città, e tre anni dopo, nella campagna elettorale dell'Ulivo. Nel 1999 è stato eletto deputato al Parlamento di Strasburgo per i Democratici di Sinistra, nel gruppo del Partito Socialista Europeo. Qui ha partecipato ai lavori della Commissione per la cultura, la gioventù, l'istruzione, i mezzi d'informazione e lo sport, e della Commissione per i diritti e le libertà dei cittadini, la giustizia e gli affari interni. E' stato inoltre membro della Commissione temporanea sul sistema di intercettazione satellitare “Echelon”, e delle Delegazioni Interparlamentari UE-Cina e UE-Sudafrica; si è occupato anche, tra l'altro, di istruzione e formazione, università (programmi Erasmus e Socrates), ricerca e sviluppo, media, tossicodipendenze, diritti civili e sociali, diritti degli animali, senza dimenticare l'apporto dato all'opposizione al governo di centrodestra italiano. In polemica con il gruppo dirigente dei DS, nel 2004 ha lasciato il partito e ha accettato la candidatura al Parlamento europeo con il Partito dei Comunisti Italiani, senza risultare eletto.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 aprile 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE