Le norme stralciate dalla manovrina...

Tensione in aula all'Ars per alcune norme stralciate dalla manovra approvata nottetempo

08 novembre 2013

E’ salita la tensione all'Ars appena avviato l'esame delle variazioni di Bilancio decise e votate la scorsa notte (LEGGI): ieri, una nota distribuita in aula ha informato della decisione della Presidenza di stralciare alcune norme del testo. Si tratta di disposizioni che "non hanno la natura tecnico-contabile di variazioni di Bilancio o - si legge nella nota della Presidenza - recano modifiche sostanziali alla legislazione vigente in vari e rilevanti settori, non collegate fra loro da alcun nesso di omogeneità e per le quali non vi è stato il necessario approfondimento nelle commissioni competenti".
Le norme stralciate riguardano fra l'altro alcuni lavoratori del Parco dei Nebrodi, la graduatoria per gli antincendio di Palermo, i precari dell'assessorato al Territorio, i fondi per l'assistenza ai disabili nelle scuole superiori, il credito di imposta. "Le norme  - si legge ancora nella nota - sono inviate alle commissioni competenti per essere trattate con priorità nell'ambito di autonomi disegni di legge".
L'aula è stata rinviata a martedì alle 10, gli emendamenti andranno presentati entro lunedì alle 11.

Lo stralcio ha provocato la reazione di alcune forze politiche, in particolare del Pd e del parlamentare Antonello Cracolici, che in aula ha parlato di "atteggiamento schizofrenico" della presidenza dell'Ars. Ieri i lavori erano presieduti dal vicepresidente Antonio Venturino.
"Sono state stralciate norme la cui competenza è della commissione Bilancio - ha detto Cracolici incontrando i giornalisti a margine dei lavori d'aula - non si capisce in forza di quale potere siano state prese queste decisioni: siamo di fronte a un abuso. Ci è stato dato un elenco di norme stralciate, ma non ci è stato dato il testo. Oltretutto è stato indicato un termine per gli emendamenti senza che il ddl sia stato incardinato".
"Abbiamo lavorato fino a notte per mettere a punto queste norme - ha aggiunto Baldo Gucciardi, capogruppo Pd - adesso rischiamo di gettare al vento un'altra settimana".

"Forse non è stata una procedura estremamente lineare, ma tutto è avvenuto nel pieno rispetto del regolamento: per me le variazioni di Bilancio sono state incardinate tanto è vero che sono all'ordine del giorno della prossima seduta. I motivi per i quali Cracolici ha protestato evidentemente sono altri, non hanno a che fare con gli aspetti formali", ha commentato il vicepresidente dell'Ars Antonio Venturino. "Abbiamo solo voluto ripristinare le regole - ha aggiunto Venturino - le norme stralciate ritornano nelle commissioni di merito con una procedura di urgenza, se si vuole c'è il tempo per approvarle subito e fare arrivare i ddl in aula nei tempi previsti".
Cracolici aveva anche parlato di "abuso" da parte della presidenza dell'Ars. "Nessun abuso - ha aggiunto Venturino - c'è stata solo l'applicazione del regolamento".

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 novembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia