Oggi è la Festa dell'Europa

Il progetto di un'istituzione sovranazionale più forte e di una comunità solidale, coesa e competitiva

09 maggio 2002
Quest'anno l'appuntamento assume significato e valore particolari.

È vero che è sempre un po' riduttivo dedicare ad un tema prioritario come quello dell'Europa, la festa di un giorno. Ma tant'è: la festa esiste e utilizziamola per una riflessione corale e per un messaggio impegnativo.

L'Europa, il progetto di una comunità solidale, coesa e competitiva e di un'istituzione sovranazionale più forte, democraticamente legittimata dai cittadini e politicamente titolata di poteri veri in politica estera e di difesa, sicurezza, giustizia ed economia, è una necessità, non solo un auspicio.

Il mondo globale pone sempre più imperiosamente la domanda di una "governance" globale che estenda i dividendi della globalizzazione alle aree sociali e territoriali più deboli.

Il destino degli uomini non può essere affidato ciecamente a soggetti che non derivino da un consenso e da un mandato diretto dei cittadini e che ad essi non diano conto.

L'unione europea è la nostra Istituzione sovranazionale.
C'è già! Altri devono pensarla e costruirla. Noi l'abbiamo da cinquant'anni e grazie ad essa abbiamo la Pace, una moneta comune, una politica di coesione e di solidarietà. Dobbiamo avere anche una politica che ci renda più sicuri, che ci faccia svolgere più concretamente e univocamente il nostro ruolo in un mondo multipolare, che faccia crescere la nostra competitività ma anche la nostra coesione.

Una grande area di pace e di lavoro, che abbracci nel 2004 altri dieci Stati e che tuteli i diritti dei suoi 500 milioni di cittadini, con una Carta Costituzionale.
Questo è l'obiettivo che dobbiamo darci e da cui non dobbiamo deflettere.

Da due mesi lavora a questi temi la Convenzione Europea, presieduta da Valéry Giscard d'Estaing, da Giuliano Amato e Jean-Luc Dehaene. Ha tempo un anno per partorire le sue proposte di rafforzamento e di riforma perchè dall'Europa monetaria si passi all'Europa politica.
Facciamo sentire che attorno a questo lavoro c'è un'attenzione e un interesse vero ed ampio dell'opinione pubblica europea.

Uniamoci tutti, il 9 maggio, all'appello del Movimento Federalista Europeo, presieduto da Giorgio Napolitano, per la Costituzione Federale Europea.
Entriamo, ognuno di noi, nel sito della Convenzione europea http://european-convention.eu.int e seguiamone i lavori.
Ma scriviamo anche al loro indirizzo di posta elettronica futurum@cec.eu.int, chiedendo la Costituzione Europea.
L'Europa non è un sogno romantico o una invenzione di tecnocrati avidi di potere.
L'Europa è il nostro progetto, la nostra casa, la casa dei nostri figli.

Gianni Pittella, Eurodeputato

Rilanciamo attraverso il nostro portale questo contributo, apparso su Webgiornale.de, notiziario della comunità italiana in Germania.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 maggio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia