Quella "debolezza" sulle liberalizzazioni

Oggi il governo pone la fiducia sul testo della manovra "salva Italia". Soddisfatti delle mdifiche Pd e Udc

15 dicembre 2011

Oggi il governo pone la fiducia sul testo della manovra uscito dalla Commissione e approdato ieri alla Camera (LEGGI). Lo ha deciso la riunione dei capigruppo a Montecitorio, che ha definito la 'tabella di marcia' fissando il voto finale per domani, venerdì 16 dicembre, alle 19.30.
Le proposte di modifica presentate sono 150, di cui circa 50 della Lega. Ieri, chiusa la discussione generale, la Camera ha respinto la pregiudiziale di costituzionalità presentata dalla Lega. Oggi, l'esecutivo pone, dunque, la questione di fiducia. Venerdì si procederà con le dichiarazioni di voto, dalle 10 alle 12 ci sarà la chiama e al termine sarà la volta degli odg. Chiuso in mattinata il voto di fiducia, alle 18.30 ci sarà la dichiarazione di voto finale e alle 19.30 il voto finale.

Giudizio complessivamente positivo da parte del Partito democratico. "Le modifiche alla manovra vanno nella direzione da noi auspicata ma non tutto quello che è uscito ci piace. Siamo stupefatti da alcune debolezze sulle liberalizzazioni", ha sottolineato il segretario del Pd Pierluigi Bersani. "Le modifiche - ha spiegato il segretario del Pd durante una conferenza stampa - vanno nella direzione auspicata, ci sono ancora un paio di questioni aperte ma nell'insieme si è fatto un lavoro efficace e credo che porti visibili i segni del nostro lavoro". Quello che non si è riusciti ad ottenere in questo provvedimento, il Pd insisterà perché venga inserito nei prossimi. A proposito delle frequenze tv, "la procedura va sospesa e reimpostata per non regalare risorse". Quanto all'Imu alla Chiesa, "noi siamo perché ciò che è commerciale, paghi".
E' arrivato, intanto, il 'no' dell'Idv. "La profonda iniquità non è venuta meno", soprattutto per quanto riguarda "l'evasione fiscale e sul capitolo delle frequenze tv", ha spiegato Massimo Donadi, al termine di una lunga riunione per una riflessione sulle modifiche al decreto Monti. Quindi "voteremo contro" la manovra.
Soddisfatto per le misure prese circa gli sgravi sull'Imu legati ai figli Pier Ferdinando Casini. "Finalmente un primo segnale concreto per le famiglie italiane", ha sottolineato il leader dell'Udc in una conferenza stampa alla Camera facendo notare che "non è vero che questa manovra colpisce i soliti noti". E ha spiegato: "Io concordo con Monti. Sono state colpite fasce che erano state esentate in passato. Non c'è una patrimoniale formalmente intesa ma di fatto c'è una tassazione sui patrimoni. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno".

Per il Pdl è intervenuto anche l'ex premier Silvio Berlusconi. "Non conosco ancora tutte le modifiche alla manovra. Le stiamo valutando ma abbiamo molte, molte perplessità", ha detto Berlusconi. Il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto ha spiegato che "con le modifiche su Ici-Imu a favore dei nuclei familiari e sull'indicizzazione delle pensioni il decreto è stato reso più equo in due punti importanti quali l'imposizione sulla casa e sulle pensioni. La manovra nel suo complesso rimane molto dura e con probabili ricadute recessive, come ha rilevato il governatore di Banca d'Italia. Come è noto noi l'avremmo fatta in modo diverso. Comunque adesso è decisivo che vengano fatti interventi sulla crescita".
Manovra bocciata in toto dalla Lega che ieri ha contestato Monti al Senato. "Questa non è una manovra, ma una rapina ai danni del nord e delle famiglie", ha dichiarato il presidente dei senatori leghisti Federico Bricolo parlando con i giornalisti al Senato. La Lega, riferisce, si opporrà, ma senza fare ostruzionismo. [Adnkronos/Ign]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 dicembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia