Sanatoria edilizia?

il disegno di legge sul riordino delle coste viene esaminato oggi dalla Giunta regionale

15 gennaio 2002
Il governatore Totò Cuffaro lo aveva annunciato il 22 dicembre scorso a Pantelleria: il disegno di
legge sul riordino delle coste sarà approvato nella prossima seduta della Giunta regionale siciliana.

La proposta, bollata come sanatoria edilizia dagli ambientalisti, viene esaminata oggi pomeriggio.

"Non si tratta di una sanatoria, ma di una sistemazione del territorio", ripete il presidente della Regione Siciliana.

"Nella Finanziaria attualmente in esame all'Assemblea regionale siciliana - aveva precisato nei giorni scorsi - è stata inserita una norma che prevede la rimozione dei sindaci che non vigilano e non intervengono per bloccare l'abusivismo edilizio. Abbiamo una forte richiesta da parte del settore turistico che non siamo in grado di soddisfare perchè attualmente la Sicilia dispone di soli 70 mila posti-letto, ma abbiamo previsto che i nuovi insediamenti alberghieri sulle coste dovranno rispettare la distanza dei 150 metri dalla battigia".

Ribattono da tempo gli ambientalisti: il disegno di legge sul riordino delle coste, messo a punto dall' assessorato regionale al Territorio, "rischia di pregiudicare per sempre la possibilità di uno sviluppo sostenibile in Sicilia".
L' associazione aveva ribadito a dicembre la sua ferma contrarietà alla modifica del vincolo di inedificabilità assoluta nei primi 150 metri dalla battigia, preannunciando anche un eventuale ricorso alla Corte Costituzionale, e contemporaneamente aveva lanciato una serie di proposte che mirano a coniugare la difesa dell' ambiente con la possibilità di realizzare nuovi insediamenti turistico-alberghieri.

Fonte: GdS

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 gennaio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia