Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Si allarga l'Europa, si allargano i diritti. Assegni di maternità per i nuovi cittadini comunitari

I cittadini dei 10 paesi recentementi entrati nell'UE hanno diritto ai benefici riconosciuti dall'Italia

22 luglio 2004

Da maggio 2004, anche i cittadini dei 10 paesi che recentemente sono entrati a far parte dell’Unione Europea, se residenti in Italia, hanno diritto ai benefici riconosciuti dalla legislazione italiana a sostegno della maternità e della paternità.

Si tratta dei cittadini di Cipro, dell’Estonia, della Lituania, di Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia ed Ungheria, Paesi che dal 1° maggio scorso sono entrati a far parte dell’U.E., i quali, al pari degli altri cittadini dell’Unione, se residenti nel nostro Paese e in possesso dei requisiti di legge, hanno diritto, sia all’assegno di maternità erogato dallo Stato (tramite l’Inps), sia a quello corrisposto dai Comuni (decreto legislativo 151/2001), sia, infine, all’assegno che viene riconosciuto dai Comuni per la nascita del secondo figlio (art.21 D.L. 269/2003), alle stesse condizioni previste per i cittadini italiani.

Sempre dallo scorso 1° maggio, ai predetti cittadini spetta anche, in presenza dei requisiti di legge, l’assegno per il nucleo familiare (A.N.F.) previsto dall’art.65 della legge 448/98; beneficio che è stato esteso dall’art. 80 della legge 338/2000 anche ai nuclei familiari – nei quali vi siano 3 figli minori – di cittadini comunitari residenti in Italia. In tal caso, la richiesta dell’A.N.F., limitatamente al periodo 1/5/2004 – 31/12/2004, potrà essere presentata entro il 31 gennaio prossimo, a condizione che, alla data d’inoltro della domanda, i cittadini in questione possano far valere i requisiti, previsti dalla legislazione in vigore, perché scatti il diritto alla prestazione.

Circa gli assegni di maternità o di paternità (statali o comunali), si precisa che gli stessi possono essere riconosciuti solo in riferimento ad eventi (nascite, adozioni, ed affidamenti) verificatisi dopo il 1° maggio 2004 e ciò anche nel caso in cui sia prevista un’apposita domanda da presentare all’Inps (assegni di maternità a carico dello Stato) o al Comune, il cui termine, alla data del 1° maggio 2004, non sia ancora scaduto.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 luglio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE