Via alle primarie

Oggi e domani al Palasport di Palermo si sceglie il candidato del centrosinistra per la Provincia

21 febbraio 2003
Sono circa 4.000 i cittadini che hanno aderito all'appello lanciato da associazioni e movimenti per l'assise che dovrà scegliere il candidato del centrosinistra alla presidenza della Provincia di Palermo.

Ognuno degli iscritti ha versato 3 euro per partecipare alle "primarie" che si svolgeranno oggi e sabato al Palasport di Palermo. Al gruppo si aggiungeranno altrettanti rappresentanti scelti dai partiti del centrosinistra e i 400 politici della coalizione eletti a tutti i livelli nel territorio: dai parlamentari nazionali ed europei, ai deputati regionali, dai consiglieri comunali e provinciali a quelli di circoscrizione. Dall'assise verrà fuori il candidato alla presidenza della Provincia.

Tra i nomi che in questi giorni circolano negli ambienti dei partiti e dei movimenti, quelli del parlamentare europeo della Margherita, Luigi Cocilovo, del coordinatore regionale del partito di Rutelli, Franco Piro, degli ex sindaci di San Giuseppe Jato e Piana degli Albanesi, Maria Maniscalco e Antonio Di Lorenzo.

Tra i possibili candidati anche Giovanni Fiandaca, ordinario di diritto penale all'Università di Palermo ed ex membro del Csm, fondatore insieme all'economista Mario Centorrino del movimento dei professori, nato lo scorso 9 marzo. Per Antonio Riolo, del coordinamento dei comitati, "la crisi del centro sinistra denota un fatto fondamentale: i partiti non hanno e non possono avere più il monopolio nella scelta della classe dirigente". "Da Palermo - continua Riolo - parte il messaggio che la democrazia si difende praticandola".

Prosegue tra le donne del centro sinistra il dibattito per l'individuazione di metodi, strategie e proposte per una maggiore presenza femminile nelle istituzioni, a partire dalle prossime elezioni amministrative. Il cosiddetto 'cartello delle donne' - al quale partecipano rappresentanti dei partiti del centro-sinistra, il forum delle donne di Prc, Cgil, Cisl, Uil e numerose associazioni - si è riunito ieri nella sede dell'Udi di Palermo per discutere e approvare la mozione da portare all' assise di domani, nella quali il centro-sinistra, Prc e i movimenti designeranno la candidatura per palazzo Comitini.

Il 'cartello delle donne' chiede allo schieramento "di considerare anche la candidatura di una donna per la carica di presidente della Provincia; di prevedere una giunta formata almeno per il 50% da donne; di candidare e sostenere una donna come capolista nel 50% dei collegi e di garantire e sostenere dovunque la presenza di candidature femminili".

"Sono soddisfatta dell'adesione alle iniziative che stiamo portando avanti - commenta Antonella Monastra, consigliere comunale indipendente Prc e promotrice della mozione - e del pieno consenso che la proposta di mozione avanzata ha incontrato tra le donne dello schieramento. Mi auguro che nei prossimi giorni si arrivi anche a esprimere una candidatura unitaria". Tra le papabili, secondo Monastra, "Donatella Natoli, medico, indipendente, che a mio avviso - specifica - può riscuotere un ampio e concreto consenso e che mi auguro accetti". 

Fonte: La Sicilia

In foto: l'atrio di Palazzo Comitini, sede della Provincia Regionale di Palermo

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 febbraio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia