Fu residenza di papi e re: al Quirinale durante i restauri spuntano affreschi osé

25 luglio 2002
Quirinale a luci rosse.

I lavori di restauro e ripulitura del palazzo presidenziale, che fu residenza dei papi e poi dei re d'Italia, hanno riportato alla luce una serie di affreschi "osé" di cui non si conosceva l'esistenza.

Furono infatti coperti da "rassicuranti" strati di vernice color avorio scuro o verde chiaro, con qualche motivo geometrico, arabesco o floreale come ornamento, per nascondere i dipinti considerati per il gusto e il comune senso del pudore dell'epoca azzardati, specie se destinati a dare lustro a una sede pontificia.

Rappresentano scene bucoliche e mitologiche, con suonatori e danzatrici, fauni e ninfe, dediti ai "piaceri" per loro più naturali.

I dipinti sono spuntati fuori durante i lavori di ripulitura interna del Quirinale, che ha visto tornare al colore "originario" - dopo tante discussioni e una mostra che ne ha ricordato i percorsi storici - la facciata che ora emerge scenograficamente sul piazzale.

Per fortuna, non c'erano scelte artistiche da fare: la tinta uniforme, prevalentemente di color avorio, che ricopriva i dipinti originari in almeno quattro stanze, si è potuta eliminare senza eccessivi rimpianti, restituendo all'arte le figure che ornavano il palazzo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia