Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Le ''Tigri del Tamil'' finanziati col pizzo

Arrestate 28 persone accusate di finanziare la formazione terroristica dello Sri Lanka

18 giugno 2008

Sono ventotto i "simpatizzanti" dell'organizzazione terroristica Tigri Tamil, che si battono per l'indipendenza della parte settentrionale dello Sri Lanka, arrestati all'alba di oggi in dieci città italiane: Napoli, Genova, Biella, Novara, Milano, Mantova, Reggio Emilia, Bologna, Palermo e Roma.
Secondo l'accusa le persone arrestate avrebbero raccolto negli ultimi anni somme di denaro per finanziare l'organizzazione paramilitare terroristica LTTE (Liberation Tigers of Tamil Eelam), responsabile di azioni di guerriglia e attentati nello Sri Lanka. Nel corso dell'operazione che ha coinvolto 200 agenti, sarebbe stato sequestrato molto materiale propagandistico della cellula terroristica.

A Palermo, la Digos ha fermato 8 tamil accusati di avere finanziato l'organizzzione terroristica anche attraverso l'imposizione del 'pizzo' ai propri connazionali. Il pm Antonio Igroia della Procura di Palermo ha disposto cinque fermi, mentre gli altri tre sono stati ordinati dai pm di Napoli, in una inchiesta congiunta fra i due uffici giudiziari.
Secondo quanto ricostruito dai magistrati, i fermati avrebbero imposto ogni mese il pagamento di somme di denaro ad altri connazionali dello Sri Lanka. I soldi venivano inviati in Svizzera, da dove venivano smistati fino allo Sri Lanka.

"Si tratta di una operazione contro le Tigri Tamil che parte dalla Digos di Napoli, - ha spiegato il capo della Digos di Napoli - che ha colpito individui attivi nel procacciamento di risorse per finanziare il terrorismo nello Sri Lanka. I soldi venivano procacciati per lo più attraverso l'estorsione a connazionali".
L'inchiesta della procura di Palermo, invece, risale a due anni fa con l'iscrizione sul registro sugli indagati di un collaboratore domestico che vive a Palermo da circa 10 anni. Proprio indagando su di lui (il cui nome si trova anche agli atti dell'indagine di Napoli) gli agenti della Digos sono risaliti agli altri presunti componenti della cellula che operava a Palermo.
Stamattina l'abitazione del collaboratore domestico, in via Dante, e quelle dei suoi presunti complici sono state perquisite. Durante i controlli sono state trovate alcune foto dove gli indagati imbraccerebbero un mitra.

L'organizzazione Liberation Tigers Tamil Eelam, inserita dal 2006 nella lista dell'Unione Europea delle formazioni terroristiche, nacque nel 1972 per rivendicare i diritti della minoranza tamil. Le sue azioni sono state vere e proprie operazioni di guerra, anche con l'utilizzo di bambini soldato.
Fra i numerosissimi attentati riconducibili all'organizzazione spiccano l'uccisione di figure istituzionali di primissimo piano tra cui l'omicidio dell'ex premier indiano Rajiv Ghandi avvenuto il 21 maggio 1991 a Sriperumpudur, nello stato del Tamil Nadu dell'lndia.
 

[Informazioni tratte da Adnkronos.com e Repubblica.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 giugno 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE