Il baccalà di Capodanno: le ricette tradizionali e i vini da accoppiare

Una alternativa verace alla più sciatta aragosta

30 dicembre 2002

 

Nelle tavole del Capodanno siculo è difficile che non faccia capolino il baccalà; pietanza che, seppure di provenienza nordica, fa parte della tradizione più tradizionale della cucina povera e ricca di Sicilia (ma in verità, con differenti tecniche di preparazione e ingredienti, di tutta la gastronomia regionale italiana ed anche europea - tra i primi reali elementi di globalizzazione ante litteram).

Il baccalà a Capodanno, sapido e gustoso se ben cucinato, rappresenta una verace e originale alternativa alla più sciatta aragosta, degna di palati raffinati e usurati.

Altrettanto sfizioso e originale può risultare servirlo ai commensali in accoppiata con un buon vino rosso secco o corposo, ideale un Nero d'Avola, indicato particolarmente con le ricette (della tradizione) che di seguito riportiamo.

Baccalà a sfincione: i pezzi di baccalà, ben lavati, vanno disposti in una teglia unta d'olio, coperti di cipolla tritata, patate a tocchetti, un po' di salsa di pomodoro, aglio (se volete), origano e pangrattato abbrustolito. Un filo d'olio e via in forno per 40 minuti. Freddo è ancora più saporito.

Baccalà in umido (altro classico della cucina nostrana): rosolate nell'olio cipolla, carota e sedano a tocchetti con due acciughe tritate. Unite del passato di pomodoro e fate cuocere venti minuti. Aggiungete il baccalà sbollentato per cinque minuti in acqua e delle olive verdi, se volete. Fate cuocere altri dieci minuti e poi servite.

Baccalà al forno con i pomodorini: fate un soffritto di aglio e cipolla, aggiungete i pomodorini tagliati a metà e dopo dieci minuti un pugno di olive nere snocciolate, uno di capperi, uno di uvetta passa (rinvenuta) e pinoli e poi togliete dal fuoco. Infarinate i pezzi di baccalà e friggeteli fino a doratura a fiamma viva. Adagiateli su una teglia e versate sopra la salsa, fino a coprire. Tenete in forno 15/20 minuti.

Il Nero d'Avola potrebbe risultare compagno azzardato ma, fidatevi, eccellente per queste pietanze, come qualunque rosso di corpo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 dicembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia