Il gigante di fuoco catanese si è riaddormentato

Dopo novantacinque giorni l'eruzione dell'Etna è finita

01 febbraio 2003
L'eruzione sull'Etna è finita.

Dopo 24 ore di attesa gli esperti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania sciolgono la prognosi: il vulcano ha concluso la sua violenta attività cominciata il 27 ottobre del 2002 e che ha distrutto tutti gli impianti sciistici e causato un terremoto con mille sfollati.

Pur essendoci già stati i segnali di cessata eruzione fino a l’altro ieri , i vulcanologi hanno preferito attendere ancora un giorno prima di sbilanciarsi: l'Etna ha riservato diverse sorprese, passando con velocità da fasi di stasi apparente a grandi riprese con violente emissioni di lava.

L'ennesimo sopralluogo di ieri mattina ha però convinto gli scienziati, anche per i dati che sono emersi: tremore interno vicino allo zero, senza fluttuazione, ed emissione di biossido di zolfo in calo. Dal cratere creatosi a quota 2.750 non fuoriesce più lava, il cono si è ''spento'', l'attività stromboliana si è arrestata. ''L'eruzione è finita''.

L'Etna rimane comunque un ''sorvegliato speciale''.

Sarà costantemente monitorato, con i sistemi di rilievo realizzati dall'Ingv e dal dipartimento della Protezione civile, per evitare improvvise riprese.
Sono stati novantacinque i giorni di eruzione senza sosta. L'Etna non ha concesso tregue, se non
momentanee ed apparenti.
''Questa eruzione che si è conclusa - spiega Luigi Lodato, dell'Ingv di Catania - è cominciata con sole tre ore di preavviso. Il vulcano va seguito con attenzione e senza mai mollare la guardia. L'eruzione è finita, ma l'allerta rimane''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 febbraio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia