Il maggior utilizzo del casco ha dimezzato i trapianti di cuore

Questo quanto si è appurato dal monitoraggio delle unità di cardiochirurgia

13 gennaio 2003
Dopo la necessità di una verifica delle unità di cardiochirurgia, che in Sicilia risultano troppe, l’Assessore Regionale alla Sanità, ha stabilito, all’inizio del dicembre 2002, un monitoraggio del fabbisogno di prestazioni, dei percorsi diagnostici e della qualità degli interventi.
La commissione incaricata presieduta dovrà presentare una relazione completa in questi giorni.

Per il medesimo fine si è insediato anche un comitato regionale dei trapianti in cui sono entrati 12 specialisti, portando così il numero dei componenti a 24, a cui vanno aggiunti i rappresentanti di quattro associazioni di volontariato: Admo, Aido, Aned e Astrafe.

Dai primi dati posti sotto esame, relativi a prelievi di organi e trapianti, è emerso come l’uso del casco tra i motociclisti abbia quasi dimezzato i trapianti di cuore.
Infatti, fino agli anni scorsi il 50% dei trapianti venivano effettuati su ragazzi morti in incidenti stradali a causa del mancato utilizzo del casco, invece oggi in Italia, anche grazie al maggior utilizzo del casco da parte dei giovani, il numero dei trapianti di cuore è diminuito, passando dai 350 del 2001 ai 230 di quest’anno appena concluso.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 gennaio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia