KLM pagherà in contanti la multa da 170 milioni di euro all’Alitalia

Ci chiediamo, quante valige sarebbero necessarie?

05 febbraio 2003
Klm ha acconsentito a pagare in contanti la multa da 171 milioni di euro stabilita dal lodo arbitrale sullo scioglimento dell'alleanza con Alitalia.
Lo ha annunciato di recente il portavoce della compagnia aerea olandese.

''Se Alitalia vuole contanti - ha detto il portavoce parlando dal quartiere generale nei pressi di Amsterdam - pagheremo in contanti alla scadenza prevista o comunque depositando una garanzia bancaria''.

Klm, ha precisato il portavoce Bart Koster, ha condotto colloqui con Alitalia per evitare di pagare l'ammenda in modalità 'cash', dato che la corte arbitrale non aveva precisato come e in che modo versare la somma.

La compagnia olandese, ha aggiunto, si era detta disponibile a convertire l'importo in 'servizi' come la manutenzione e il rifornimento di aerei, check-in di passeggeri, trasporto dei bagagli, catering. ''Alitalia ha però insistito per avere contante il prima possibile - ha detto ancora il portavoce - e ci siamo accordati per pagare così''.

Ovviamente attraverso una transazione bancaria telematica, senza cioè la mobilitazione fisica di 'contanti'.
Per questo tipo di pagamento in tempi molto brevi, ha segnalato Koster, potrebbero però esserci problemi ''tecnici'' legati alla mobilitazione delle banche.

L'obbligo a pagare 171,5 milioni di euro in una delle due forme entro oggi era stato annunciato solo mercoledì da Alitalia dopo che, il 4 dicembre, un collegio arbitrale aveva stabilito ''l'illegittimità della rottura dell'alleanza determinata dalla compagnia olandese nell'aprile del 2000''.

Klm era stata condannata a pagare 150 milioni di euro più interessi e costi dell'arbitrato.

Fonte: SiciliaTravel

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 febbraio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia