Nella provincia di Siracusa campi di calcio chiusi per inquinamento

07 ottobre 2005

Nel misto di terra e argilla che costituisce il fondo degli stadi comunali di Priolo e Augusta sono presenti tracce di sostanze inquinanti e pericolose per la salute pubblica come arsenico e cadmio. Lo hanno accertato gli esami compiuti da esperti del ministero dell'Ambiente.
I sindaci dei due comuni siracusani hanno emesso ordinanze per la chiusura di tre impianti sportivi e per la loro bonifica.
Secondo quanto si è appreso, i fondi dei tre stadi, uno ad Augusta e due a Priolo, sarebbero stati realizzati negli anni '60 prelevando fanghi dalla vicina zona del Petrolchimico. ''Visti gli esiti degli esami - ha spiegato il sindaco di Priolo, Massimo Toppi - non c' è altro da fare che disporre la bonifica della struttura''. L'iniziativa fa seguito a una segnalazione della direzione per la Qualità della vita del ministero dell'Ambiente.
Senza campo restano tre formazioni di calcio di Prima categoria, due di Priolo e una di Augusta, e circa 250 ragazzi iscritti a una scuola calcio.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia