Novantatré persone a giudizio per lo scandalo dei ''diplomifci'' del ragusano

13 novembre 2007

Per la procura di Modica (RG) sono 93 le persone da mandare a giudizio per lo scandalo dei diplomi facili scoppiato in relazione agli esami di maturità 2005 negli Istituti tecnici commerciali parificati Europa di Modica, Marconi di Vittoria e Gentile di Vizzini.
Un avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato infatti recapitato agli indagati: sono 31 studenti e 62 tra dirigenti, amministratori, dipendenti, collaboratori dei tre istituti e 24 docenti membri delle tre commissioni degli esami di stato: due presiedute da Antonino Nasisi ed una, quella dell'istituto Europa, da Giorgio Spadaro.
Per i commissari, accusati di avere ammesso candidati che avevano frequentato solo pochi giorni durante l'anno scolastico, e in qualche caso di avere violato il limite del numero massimo consentito per ogni commissione, l'imputazione è abuso d'ufficio. Più pesante quella contestata ai coniugi Sebastiano Mignacca e Giovanna D'Izzia, amministratori unici della società 'Ge.Ma.D srl' che gestiva gli istituti di Modica e Vittoria, e della 'Si.Pla.S srl' che gestiva l'istituto di Vizzini. I due, insieme al figlio Vincenzo Mignacca, collaboratore di segreteria dell'Istituto Europa e ad altre 17 persone, devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata ''alla consumazione di un numero indeterminato di delitti contro la pubblica amministrazione e la fede pubblica''.

L'imputazione riguarda dirigenti scolastici, titolari di centri di preparazione agli esami e procacciatori di alunni tra cui una dipendente del Magistrale di Vittoria, Esterina D'Izzia, la quale, secondo l'accusa, avrebbe segnalato quelli bocciati nella scuola pubblica alla sorella Giovanna e agli istituti gestiti dal cognato, Sebastiano Mignacca. Quest'ultimo, insieme a due impiegate dell'Istituto Europa, Sonia Gerratana e Rosanna Spadaro, è accusato anche di truffa per avere preso 2 mila euro da una candidata facendole credere di essere presentata agli esami come interna, mentre in realtà era esterna.
Ad alcuni studenti, provenienti da varie province della Sicilia e della Calabria, e ai preparatori scolastici sono contestati i reati di falsità ideologica e uso di atto falso. Nella prova di italiano e in quella di economia aziendale - secondo quanto emerso dalle indagini - furono introdotti in aula elaborati ad hoc ricopiati dai candidati o presentati direttamente. [La Sicilia]

 

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 novembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia