Provenzano, Riina, Brusca, Bagarella e Madonia: quando i Corleonesi fecero tremare Milano

28 dicembre 2006

Un'inchiesta su di una decina di omicidi rimasti finora irrisolti e in gran parte archiviati, commessi a Milano e in provincia a partire da metà degli anni Ottanta. Tra gli indagati l'ex boss dei boss Bernardo Provenzano.
L'indagine, partita da una serie di dichiarazioni di collaboratori di giustizia a Palermo, ha portato, nelle ultime settimane, agli interrogatori fra gli altri dei capimafia Pippo Madonia, Giovanni Brusca e Antonino Giuffrè. Tra gli indagati oltre a Provenzano ci sono anche Totò Riina, Leoluca Bagarella e gli stessi Brusca e Madonia.
Gli omicidi, in passato ritenuti non collegati, sarebbero invece riconducibili agli stessi mandanti, individuati nei vertici corleonesi di Cosa Nostra. Da quanto è emerso, tra l'altro, ci sarebbe un nuovo collaboratore di giustizia, sentito per la prima volta proprio a Milano in relazione agli omicidi, che starebbe fornendo elementi importanti per risolvere diversi casi.

Tra i più noti di questi casi, l'assassinio di Gaetano Carollo, uomo d'onore di Cosa Nostra a Palermo, ucciso a Liscate nel giugno 1987, che sarebbe stato ordinato direttamente da Provenzano, e quello di Alfio Trovato (uomo della mafia catanese legato al gruppo di Milano, rivale dei corleonesi), 'freddato' nel capoluogo milanese nel 1992 su ordine, secondo l'accusa, di Riina, Brusca e Bagarella.
''Milano è nelle nostre mani'', diceva l'allora latitante 'Totò u curtu', Totò Riina in quei ''terribili'' anni Ottanta. Dietro il mosaico di omicidi, quindi, la regia dei ''Corleonesi'', regia scoperta grazie a un'inchiesta iniziata tre anni fa dal sostituto procuratore Marcello Musso.
Lo schema, secondo la Procura, avrebbe seguito una costante: i mandanti, Provenzano e Riina, avrebbero impartito gli ordini da Palermo stabilendo un'alleanza con Madonia, boss della provincia di Caltanissetta, a sua volta in grado di attivare dei killer di Gela operativi a Milano, per eliminare i rivali o gli ''infedeli'' nella lotta per il controllo del territorio.

Insomma, si riapre una stagione di mafia che sembrava sepolta. Una storia di morti, droga, gioco d'azzardo e appalti nata nel solco di Luciano Liggio, altro intoccabile di Cosa Nostra che dalle campagne di Corleone conquistò i vertici della cupola, facendo affari anche all'ombra del Duomo.

Gli interrogatori del pm Marcello Muzzo riprenderanno il prossimo sabato.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 dicembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia