Sbarchi senza sosta. Più di 500 immigrati clandestini nelle ultime 48 ore hanno raggiunto le coste siciliane

03 ottobre 2006

Più di 500 immigrati in 48 ore, 400 circa dei quali nella sola giornata di ieri. Raffica di sbarchi sulle coste siciliane, negli ormai consueti porti di scalo di Lampedusa, Pantelleria, Ragusa, dopo i 77 arrivati ieri sull'isola delle Pelagie e i 12 giunti a Marettimo, nelle Egadi.
Gli sbarchi sono cominciati presto con il primo di 230 extracomunitari, tra cui 42 donne, tratti in salvo in mare aperto, dopo l'avvistamento a circa 50 miglia a sud di Lampedusa di un elicottero del comando aeronavale della Guardia di finanza.
Sempre nella mattinata di ieri una barca con 26 immigrati è stata intercettata a 8 miglia e mezzo a sud dell'isola da una motovedetta della Guardia di Finanza. A bordo anche due donne in gravi condizioni: una con un bambino partorito due settimane fa in Libia, l'altra con un'emorragia causata da un aborto. Le due donne sono state trasferite, insieme con il neonato, in eliambulanza a Palermo.
Altri 9 extracomunitari sono stati bloccati sulla spiaggia della Guitgia, proprio davanti al porto, mentre 24 immigrati sono stati intercettati a terra subito dopo essere sbarcati a Cala Pisana. Un altro barcone è stato avvistato da un peschereccio tunisino e raggiunto dalla nave "Vega" della Marina militare: 41 in totale, tra loro quattro donne e un disabile.

Altri 25, tra cui due donne, sono stati soccorsi da un peschereccio tunisino a 15 miglia dall'isola. A Pozzallo (RG) 49 immigrati sono stati intercettati sulla terraferma, giunti a bordo di due barche arenatesi sulla spiaggia a distanza di poche ore: la prima, con 18 extracomunitari, tra cui 5 donne, è stata scoperta poco prima della mezzanotte. Sull'altra c'erano invece 31 persone, tra cui 9 donne. E altri 6 sono giunti a Pantelleria: partiti da Tunisi sono stati soccorsi da Guardia costiera e carabinieri.

E gli sbarchi sono continuati anche stanotte, con l'arrivo, sempre a Lampedusa di 72 clandestini. Quest'ultimo gruppo era stato avvistato ieri sera su due barconi a largo dell'isola. Il primo gruppo di 25 immigrati è stato soccorso da una motovedetta della Guardia costiera; gli altri 47 sono stati tratti in salvo da una imbarcazione della Guardia di Finanza. Tutti i clandestini sono stati trasferiti nel Cpt di Lampedusa, dove si trovano ormai oltre 500 extracomunitari sbarcati negli ultimi due giorni.
Un gommone con 38 clandestini, tra cui una donna, è stato poi soccorso a 12 miglia a Sud di Lampedusa dal pattugliatore "Vega" della Marina Militare, in servizio di perlustrazione nel Canale di Sicilia. Due immigrati, che accusavano malori, sono stati assistiti dal medico di bordo dell'unità militare. Gli extracomunitari e il medico sono stati quindi trasbordati su una motovedetta della Guardia Costiera, che sta facendo rotta verso Lampedusa.
Un ulteriore sbarco di clandestini, il quarto dalla notte scorsa, è stato registrato a Lampedusa dove un barcone con 27 immigrati è stato intercettato 17 miglia a sud dell'isola da una motovedetta della Guardia di Finanza. Tra gli extracomunitari anche sei donne, una delle quali con un profondo taglio all'addome. L'extracomunitaria è stata subito soccorsa e trasferita nel poliambulatorio dell'isola, non appena giunta a terra.

Stamane all'alba un altro sbarco è stato segnalato a Pozzallo, nel ragusano, dove sono giunti a bordo di una motovedetta della capitaneria di porto i 24 clandestini, tra i quali due donne, tratti in salvo la notte scorsa 16 miglia a sud delle coste ragusane.
Gli extracomunitari sono stati trasbordati sulla motovedetta che ha anche rimorchiato il barcone dove si trovavano, un natante in vetroresina, di sei metri di lunghezza con un motore fuoribordo da 40 cavalli. I migranti sono in discrete condizioni di salute.
Ed è scattato il ponte aereo per trasferire gli oltre 500 clandestini ospiti del Centro di prima accoglienza verso altri Cpt: un primo volo per Foggia è già partito, un secondo per Crotone sta per decollare; in giornata sono previsti altri due voli.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 ottobre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia