Usa: ancora sviluppi nelle indagini

Il congresso ha approvato ''l'uso di tutta la forza necessaria ed appropriata''

15 settembre 2001
Effettuato il primo arresto di uno dei fermi di giovedì. A quanto pare l'uomo sarebbe in possesso di importanti informazioni. Tornano invece in libertà gli altri uomini arrestati nella notte tra giovedì e venerdì, negli aeroporti Kennedy e La Guardia di New York e a Chicago, rivelatesi estranei a qualsiasi coinvolgimento. Confermati i sospetti per altri due fermati in Texas che sono stati trasferiti nelle ultime ore a New York. 

Intanto passo in avanti verso una reazione degli Stati Uniti. Il congresso ha votato favorevolmente "l'uso di tutta la forza necessaria ed appropriata", con un voto quasi unanime (un solo contrario alla camera).

Il presidente Bush, autorizzato dal congresso ha subito proclamato lo stato d'emergenza e mobilitato 50 mila riservisti. Si aspetta solo di individuare i colpevoli, non solo gli esecutori ma anche mandanti e protettori. Il passo successivo sarà costruire una coalizione mondiale e passare all'azione bellica verso i malfattori. Oggi a Camp David una riunione del presidente con i suoi più stretti collaboratori.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 settembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia