Marina di Ragusa, per una parentesi di assoluto relax

Nella splendida località Gianni Amelio ha girato uno dei suoi più premiati film, "Il ladro di bambini"

11 agosto 2017
marina-di-ragusa-per-una-parentesi-di-assoluto-relax

Nella parte sud-orientale della Sicilia, su un territorio di circa 1600 chilometri quadrati, si estende la provincia di Ragusa, una terra dalle caratteristiche uniche, capace di stupire il visitatore e ammaliarlo, un autentico paradiso che contiene diversi gioielli artistici. Ragusa è infatti la Provincia del Barocco, degli altopiani Iblei, delle spiagge dorate e molto probabilmente nessuna definizione può dare un'idea ben precisa dell'eccezionale patrimonio artistico e naturalistico che qui si può scoprire e apprezzare.
Proprio in questi splendidi luoghi il regista Gianni Amelio nel 1992 ha girato il film "Il ladro di bambini", con Enrico Lo Verso, Valentina Scalici, Giuseppe Ieracitano, Marina Golovine, Florence Darrel.

Si tratta della toccante storia di un carabiniere, Antonio, costretto a portare via due bambini di 9 e 11 anni (fratello e sorella) ad una madre incapace di crescerli. La donna, una divorziata di origini siciliane ed emigrata a Milano, vive di lavori saltuari e quindi non riesce a mantenere i due figli (Luciano, di nove anni, e Rosetta, undicenne). Per sbarcare il lunario la donna indirizza Rosetta alla prostituzione e per questo motivo viene arrestata. A due carabinieri viene assegnato il compito di accompagnare i piccoli in un istituto di Civitavecchia, ma quando uno dei due militari si rifiuta l'altro, Antonio sostituisce il collega e intraprende, da solo e senza permesso, un viaggio di tre giorni che lo porterà ad affrontare una marea di difficoltà tra l'indifferenza generale di persone e strutture che si rifiutano di prestare soccorso ai due piccoli. Antonio si ritrova completamente solo, mentre i bambini dormono una volta in pensione, una volta a casa della sorella del carabiniere. Qui la bambina viene esposta ad ulteriori umiliazioni perchè dei vicini scoprono che si tratta di una ex prostituta. L'esperienza costituisce un'amarissima delusione per Antonio ed un vero e proprio trauma per Rosetta; d'altro canto, tra i bambini ed il carabiniere inizia ad instaurarsi una certa intesa solidale. Dopo aver attraversato lo stretto di Messina, Antonio assiste al furto di una macchina fotografica, insegue il ladro e lo arresta, conducendolo in commissariato. Qua però deve anche rendere conto dell'esperienza del lungo viaggio di tre giorni intrapreso con i piccoli senza avvertire il comando e che potrebbe essere considerato un vero e proprio sequestro di persona. Antonio, duramente colpito, deve però riprendere il viaggio coi ragazzi. Il film si conclude con una scena ripresa alla luce dell'alba: i due fratelli si svegliano per primi e, seduti sul ciglio della strada di fronte all'istituto che dovrebbe accoglierli, restano in attesa del loro destino.

La pellicola ha collezionato diversi premi tra cui l'European Film Awards 1992 come miglior film, il Gran Premio Speciale della Giuria al 45° Festival di Cannes, il Gran Prix Speciale della Giuria, Premio della giuria ecumenica, 5 david di Donatello 1992, il Ciak d'oro 1993 come miglior film.

I luoghi del set - Come abbiamo già detto molte scene di questa intensa pellicola hanno potuto trovare un set ideale nella provincia di Ragusa, con il suo paesaggio ricco di verde e acqua, e di numerose attrattive, che trovano un punto di forza nel barocco di alcuni comuni come Modica e Noto. La maggior parte delle scene girate in Sicilia però sono state realizzate a Marina di Ragusa, piccolo centro a circa 16 km da Ragusa che si affaccia sul mare africano. Si tratta della più apprezzata e rinomata località turistico-balneare della Sicilia Sud- Orientale. Marina di Ragusa è storicamente nota come un borgo di pescatori, ma oggi con i suoi due splendidi lungomari (Andrea Doria e Mediterraneo) ha fatto del turismo balneare il suo punto di forza, con numerose attività di ristorazione e alberghiere che ospitano turisti italiani e stranieri che sempre più apprezzano i suoi lidi di sabbia dorata e finissima.

La sua riviera inoltre è popolata di locali notturni, pub, ristoranti e negozi che offrono il meglio della ristorazione e dello shopping. Più volte a Marina di Ragusa è stata assegnata la Bandiera Blu dalla Fondazione per l'Educazione Ambientale, inserendo nella mappa del mare doc italiano la ridente frazione balneare ragusana. Marina di Ragusa, inoltre, beneficia di uno splendido Porto Turistico, una struttura moderna e funzionale, con oltre 800 posti barca.

L'antico nome del paese era Mazzarelli, che deriva dall'arabo Marsa A'Rillah, che significa "piccola approdo". Durante il XVI secolo per volontà dei Vicerè di Spagna, titolari della Contea di Modica, accanto al porto fu costruita la Torre Cabrera a scopi difensivi. Il vero sviluppo giunse però a cominciare dal 1870, quando a Ragusa si aprirono le prime miniere di asfalto che veniva trasportato da centinaia di carrettieri al caricatoio e da lì esportato in tutto il mondo. Nel 1928, per volontà del gerarca fascista Filippo Pennavaria, il nome si trasformò nell'attuale Marina di Ragusa. L'espansione e la ripresa economica ricominciò fiorente a partire dagli anni '60 quando Marina di Ragusa divenne quel rinomato luogo di villeggiatura che continua ad essere fino ad oggi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia