Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Nella foresta di Birribaida, il bosco dove cacciava Federico II

Vi parliamo di ciò che è rimasto della grande riserva di caccia voluta dallo Stupor Mundi

16 luglio 2021
Nella foresta di Birribaida, il bosco dove cacciava Federico II
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

In questa estate dello Slow Tourism siciliano, nella quale i piccoli borghi e i luoghi lontani dai circuiti del turismo di massa fanno da straordinario attrattore, una visita la si può fare nella zona di Castelvetrano, nel Trapanese, dove si trovano i resti di quella che fu una vasta foresta, la foresta di Birribaida.

Tre raffigurazioni di Federico II

  • Scopri gli alberghi e le strutture extra alberghiere di Castelvetrano - CLICCA QUI

Voluta da Federico II di Svevia come riserva di caccia, ma anche come luogo per accogliere diversi ordini monastici che avevano ruoli di collaborazione e supporto alle attività dell'Imperatore, la foresta di Birribaida in età medievale era una distesa verde, con querce da sughero, alberi di carrubo e un sottobosco ricco e fitto che attraversava le Latomie, l'attuale Parco archeologico di Selinunte, e arrivava sino alla valle attraversata dal fiume Belìce e l'agro dell'attuale paese di Menfi.

Alberi da sughero della foresta di Birribaida

  • Scopri i locali, i ristoranti e le trattorie di Castelvetrano - CLICCA QUI

Nei secoli la foresta è scomparsa e quei terreni sono stati riconvertiti a uliveto e vigneto, ma di questa antica storia è rimasta una macchia di bosco fitta di vegetazione che si trova in contrada Bresciana, nel territorio di Castelvetrano: 1,6 ettari di querce da sughero, dove ciò che rimane del bosco viene tutelato e curato dalla famiglia Asta, proprietaria dal 2005.

Ulivo della foresta di Birribaida

"Quando mio papà ha comprato i 4 ettari della tenuta, qualcuno gli consigliò di estirpare tutto e piantare ulivi - racconta Nicolò Asta, 39 anni, figlio di Aurelio - ma noi, invece, abbiamo voluto mantenere questo pezzo di bosco dove camminandoci dentro si ascolta la natura".

Scortecciamento del sughero

  • Vuoi conoscere le aziende agricole di Castelvetrano? CLICCA QUI

Agricoltore per passione ed esportatore nell'Est europeo di prodotti siciliani, Asta in questi anni ha tutelato le querce da sughero del bosco. "La corteccia racconta la storia di ogni pianta - spiega Nicolò Asta - e noi facciamo decorticare gli alberi ogni 7/9 anni da squadre di scorzini che vengono dalla Sicilia Orientale, per raccogliere il sughero da destinare poi al mercato, seppur è poco redditizio".

Il Lago Trinità nelle vicinanze della foresta di Birribaida

Quello che oggi forma questa fitta macchia mediterranea sono le querce che negli anni sono cresciute rimpiazzando quelle che, nel frattempo, erano morte. Un rinnovarsi continuo senza che l'uomo abbia interrotto questo ciclo naturale.
Ecco, appena questo brutto periodo sarà passato - perché la pandemia passerà -, la prima gita potremmo farla nella foresta di Birribaida.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 luglio 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE