Le spiagge del Siracusano

All'ombra di un variopinto ombrellone a godersi gli ultimi giorni d'estate

06 luglio 2017
le-spiagge-del-siracusano

Nell'angolo più meridionale d'Italia, sulla costa sud orientale della Sicilia, si sviluppa il territorio Sracusano che, pur essendo una delle più piccole dell'isola, è anche una delle più ricche d'arte e di storia.
Anche se negli ultimi decenni qualche tratto del litorale è stato deturpato dalla presenza di industrie petrolchimiche, tuttavia la provincia offre una costa splendida, con spiagge lunghissime di sabbia bianca, alcune delle quali autentici paradisi incontaminati e solitari dove solo la natura la fa da padrone. Se si vuole trascorrere una giornata al mare all'insegna del divertimento e del relax, magari all'ombra di un variopinto ombrellone, è meglio optare per uno degli arenili della città di Siracusa, che permettono di fruire di tutti i servizi che gli stabilimenti mettono a disposizione. Partiamo quindi proprio dalle spiagge vicine alla città di Siracusa.

Le tappe del nostro itinerario

TappaLArenella

E' una spiaggia di sabbia sottile e chiara nel comune di Siracusa. Qui i bagnanti hanno a disposizione diversi stabilimenti balneari con bar e zone di ristorazione. Non manca un tratto di spiaggia libera per godersi un po’ di pace e tranquillità.

TappaLa spiaggia di Agnone

A circa 40 chilometri a nord da Siracusa, nel comune di Augusta, si trova la spiaggia Agnone, caratterizzata da un litorale di sabbia scura e grossa, circondato da eucalipti e lungo circa otto chilometri, anche se la zona fruibile è di circa 700 metri. La spiaggia si specchia in un mare azzurro e pulito nonostante il litorale costellato da case abusive. Chi vuol trascorrere qui una giornata al mare troverà sicuramente tutti i servizi assicurati dagli stabilimenti balneari o la pace e la tranquillità della spiaggia libera.

TappaLa penisola della Maddalena

A sud di Siracusa, il prolungamento meridionale del Porto Grande è caratterizzato da splendide coste che cadono a strapiombo sul mare. Mare, paesaggi mozzafiato, fondali incantevoli dove immergersi e vivere a stretto contatto con la natura grazie ad un susseguirsi di coste alte, calette, grotte e un territorio ricco di straordinaria flora e fauna.  Posteggiata l'auto, s'imbocca un sentiero che passa lungo la scogliera che permette di ammirare un paesaggio davvero molto suggestivo. Dopo circa tre chilometri si arriva alla spiaggia, sovrastata dalla grande Grotta del Pellegrino. Il mare qui ha un meraviglioso colore smeraldo e lascia intravedere il fondale roccioso dell'Area marina protetta del Plemmirio, un mare antico che custodisce gelosamente un autentico tesoro naturale e archeologico, costituito dai resti di navi greche e romane.

TappaSpiaggia di Punta Asparano

A circa 13 chilometri da Siracusa fino a pochi anni fa esisteva ancora uno dei pochi angoli di Sicilia preservato e selvaggio. Malgrado la costruzione di un grande villaggio turistico, la spiaggia di Punta Asparano resta comunque un tratto costiero dall'aspetto suggestivo. L'arenile, in parte sabbioso e in parte roccioso, è costituito da una serie di calette che si susseguono per più di un chilometro, con un mare limpido e cristallino che le bagna. Qui, vaste praterie di Posidonia arrivano quasi sottocosta e sui promontori. Sulla spiaggia si trovano ancora gli ultimi lembi residui di macchia mediterranea con palme nane.

TappaFontane Bianche

A circa 15 chilometri dal centro abitato di Siracusa si trova la spiaggia di Fontane Bianche, che prende il nome dal fatto che nella zona si trovano molte fontane di acqua dolce e dall'arenile bianchissimo. Si tratta infatti, di un autentico paradiso con scogli e sabbia bianca, lambiti da un mare color cobalto. La spiaggia è in parte libera, in parte occupata da stabilimenti balneari che permettono di praticare diversi sport e trascorrere giornate all'insegna del divertimento. Il lungomare ospita un gran numero di discoteche, hotel e campeggi, mentre i lidi sono forniti di scivoli per disabili e bagnini per l’accompagnamento dei disabili in spiaggia. Per raggiungerla basta seguire le indicazioni per Cassibile, a sud di Siracusa.

TappaSpiaggia di Gallina

Dalla SS 115 Siracusa-Avola, superato il ponte sul Fiume Cassibile, è possibile raggiungere una delle più rinomate località balneari del siracusano: la Contrada Gallina. Qui si trovano  la 'Spiaggia della Marchesa' - così chiamata perché apparteneva un tempo alla Marchesa di Cassibile - ed una stupenda protuberanza a picco sul mare chiamata 'U Pizzu i Iaddina' (La Punta di Gallina). Alle spalle troviamo la 'Spiaggia di Gallina', circa 500 metri di sabbia bianca circondato da una grande pineta che protegge un suggestivo cordone di dune, racchiuso tra alte scogliere con grotte ed archi naturali. Percorrendo un sentiero verso il promontorio, si raggiunge una piccola spiaggia di grandi sassi bianchi e mare cristallino. Scorci di paradiso circondati dalla natura intatta e dal silenzio.

TappaLa spiaggia di Calamosche

E' considerata una delle più belle spiagge d'Italia e si trova tra i resti archeologici di Eloro e l'oasi faunistica di Vendicari. Gli abitanti del luogo la chiamano 'Funni Musca', ed è adagiata tra due promontori rocciosi che permettono al mare di essere sempre calmo. Arrivati in loco, bisogna percorrere a piedi un sentiero immerso nella macchia mediterranea per circa un chilometro prima di arrivare alla spiaggia, un luogo incantevole e selvaggio dove regnano pace e silenzio e non c'è alcun bar o stabilimento balneare ma solo sabbia dorata che si estende per circa 200 metri e bagnata dal mare azzurro. I promontori che delimitano l'arenile sono ricchi di grotte, anfratti e dune, che contribuiscono a rendere ancora più suggestivo il paesaggio.

TappaLa Spiaggia di Vendicari

Su un tratto di costa bassa e sabbiosa, che si estende per circa 1510 ettari tra Noto e Pachino, si trova la Riserva Naturale di Vendicari, una zona di alto valore biologico che racchiude aspetti di grande interesse naturalistico e storico. Per la presenza di biotopi differenti (costa rocciosa e sabbiosa, macchia mediterranea, pantani salmastri e d'acqua dolce, saline, garighe e aree coltivate), la zona è diventata un importante punto di riferimento per l'avifauna proveniente dal continente africano che qui sosta prima di raggiungere le mete migratorie di tutta Europa. Il paesaggio è caratterizzato da una serie di caratteristici acquitrini vicini al mare, della profondità di circa 30-40 cm, e separati da esso da una sottile striscia di terra. Gli acquitrini, che prendono il nome di Pantano Piccolo, Pantano Grande, Pantano Roveto, Pantano Sichilli e Pantano Scirbia, un tempo funzionavano a pieno regime da saline. L'area inoltre, è famosa per la presenza di una lunghissima spiaggia di sabbia sottile e bianca (Bandiera Blu 2009), sulla quale spiccano una torre sveva e i ruderi di un’antica tonnara che ha concluso la sua attività nel 1943, mentre sulla destra si può ammirare la piccola isoletta di Vendicari.

TappaLa spiaggia di San Lorenzo

A Marzamemi si trova la spiaggia di San Lorenzo che ha sabbia finissima e chiara, mentre l’acqua del mare ha un colore azzurro ed è limpida e pulita. Negli ultimi anni, il piccolo borgo ha puntato sul turismo, offrendo la possibilità di numerosi approdi attrezzati per imbarcazioni da diporto.

TappaLa Spiaggia do Iancu

Ci troviamo a Noto, nei pressi dell'antica città greca di Eloro, a circa un chilometro a nord dalla spiaggia di Calamosche. Si tratta di una spiaggia molto appartata, tanto che un tempo era molto frequentata da nudisti. Per raggiungerla, bisogna percorrere - a piedi e per circa due chilometri - un piccolo sentiero che parte nei pressi della zona archeologica, guada il fiume Tellaro e prosegue per altri due chilometri. L'arenile è lungo circa 600 metri ed è caratterizzato da soffice sabbia dorata, orlata da dune e da verde macchia mediterranea. Il mare che la bagna è azzurro, trasparente e cristallino. La spiaggia non è attrezzata ed è l'ideale per gli amanti della privacy e della tranquillità.

TappaLa Spiaggia delle Formiche

Si trova a Portopalo di Capo Passero ed è costituita da tre graziose calette di sabbia dorata, separate da promontori che si specchiano nel mare limpido. Alle spalle della spiaggia si trovano delle suggestive grotte e anfratti che rendono il paesaggio ancora più affascinante. La spiaggia è facilmente raggiungibile via mare, mentre raggiungerla dalla terra ferma è un po' più complicato. Si deve intraprendere la strada che da Porto Palo va verso Maucini, ove si prosegue su una stradina sterrata in direzione di Costa dell'Ambra.

TappaSpiaggia di Isola delle Correnti

Di fronte il comune di Portopalo di Capo Passero, l'Isola delle Correnti si erge dalle acque cristalline del mare. Si tratta di un piccolo isolotto roccioso dalla forma tondeggiante che si estende per circa 10.000 mq, collegato alla terraferma da una sottile striscia di pietra artificiale. L'isola ha un nome affascinante che deriva dal fatto che si trova proprio nel luogo di congiunzione di due diversi mari: lo Ionio e il Mediterraneo.  Per questo motivo, il luogo è una sorta di paradiso per gli appassionati di surf e windsurf che si divertono sfidando il mare e cavalcando le onde. L'isola custodisce tre meravigliose spiagge dorate che permettono ai turisti di variare la frequentazione in base a come soffia il vento. La spiaggia delle Correnti è una delle spiagge più ventilate della Sicilia.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia